Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-17 s2-27 sdb ss08 114 38

Quant’è bell’ ’u spusalizzie

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Wedding.1

.

Giggino – Caro mio, so’ finiti i bei tempi, ccà stamm’ perdènn’ tutte cose
Sang’ ’i Retunne – Di cosa ti lamenti questa volta?

Gg – ’Uaglio’, cca hanno arruinato pure ’a festa ’i matrimonio.
SR – Ma dai! Ora gli sposi sono più belli di una volta, la gente sta vestita bene, si festeggia in location prestigiose… secondo me ora è meglio.

Gg – Ma quanne maie?  A parte che ’st’alluccasciònn i’ nun l’aggio mai sentuta, p’u riest’ è tutte ’n’arruina. ’U vestito, presembio, vuo’ mette?
SR – Il vestito?

Gg – Sì sì, ’u vestito..! Quanne me so’ spusate ie, m’hanno aggiustato chill’i frateme che ci’ aveva date ’u suocero d’a sora d’a moglie.
SR – Mamma mia, e che giro..!

Gg – E chillo pe’ ’na iurnata adda servi’! Po’ se ne parla quand’une more. ’U tiemp’i mo he fa’ ’na sfilata ’i moda… e po’ addo cazze t’u mitte chiù ’nu vestite ’i chella manera?
SR – E beh! Effettivamente si spende un po’ troppo per un vestito che non si metterà più.

Gg – E i regali, addo’ ’i mettimme?
SR – E che ne so. Dove li mettiamo? Nell’armadio?

Gg – Ma qua’ armadio? …mo’ vonne i sorde.
SR – E certamente, più comodo: uno fa prima e gli sposi si comprano ciò che vogliono.

Gg – I tiempe mieie a mme m’è turnata ’na pignata ’i ramme che mamma mia aveva arregalato a ’na nepote d’u cuggino d’u marito.
SR – Azz! N’atu giro pure ’ngopp’i regali?

Gg – Essì! Uno cercava ’i risparmia’. A vita cca nunn’è maie stata facile. Mo’ troppi vizzie…
SR – Ah certamente!

Gg – E ’u festine, addo’ ’u vulimme mette?
SR – Al ristorante. Il festino si fa al ristorante.

Gg – Ma quanne maie!? Se faceva ’na tavulata che parteva d’a camera ’i lietto e arrivava fino e ’nda  cucina, passanne p’a cammera ’i pranzo e ’a stanza d’i ’uagliune. ’A nonna e i zie mee cucenàvene pe’ ’na settimana.
SR – Addirittura?

Gg – Penza che mamma mia quande se spusaie ’u nepote, ienchette quatt’ borze ’i past’asciutta, una ’i carne e pane e s’i purtaie a’ casa. Avimmo mangiate pe ’nu mese.
SR – Beh, non mi pare una pratica troppo elegante.

Gg – Eggià! Mo’ pe me mette ’nu biscotto dint’a sacca m’hanno ’uardato comme si fosse state ’nu delinguente.
SR – Pe’ ’nu biscotto?

Gg – Figuriamoci si me vedéveno ch’i butteglie ’i rum!
SR – Perciò non l’hai prese?

Gg – Azz no? Dopo tutte chelle che m’è custate, tra vestite, scarpe e regalo…. Li ho distratti con il biscotto e m’aggia ’nfelate quatt’ butteglie ’nda borza ’i Assuntina.
SR – E ti pareva..!

Gg – Ma chell’ che è cchiù cagnate è ’a primma notte.
SR – A sì? E perché?

Gg – Chisti ccà oggi so’ ’na massim’i ’nzallanute! Quanne s’arrivene a spusa’, ’a mo’ ch’hanne zappuliàte! E a’ primma notte dormene… so’ stanchi, i signurini!
SR – Fetento’, tu invece cosa hai fatto la prima notte?

Gg – Uggiesù… e so’ dumande ’a fa’? ’Na ’uerra..! …M’aggio vist’ ’a finale ’i Copp’Italia!

Venerdì-pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.