Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-09 p-02 u-11 fl-02 sh 36

Raccolta delle lenticchie in musica, a Ventotene si rinnova una tradizione secolare

Condividi questo articolo

a cura della Redazione

coltivazioni a Ventotene

.

Riprendiamo  da www.h24notizie.com e pubblichiamo integralmente l’articolo relativo all’annuncio dell’ evento “I suoni della terra, la raccolta delle lenticchie tra musica e natura” che si terrà a Ventotene il 15, 16 e 17 del corrente mese.
La lenticchia è uno dei legumi coltivati fin dall’antichità ed è un  prodotto, ricco di proteine e ferro, tipico della dieta mediterranea, quantunque si trovi praticamente in tutto il mondo.
Rappresenta una delle prime specie domesticate: testimonianze archeologiche relative alla grotta di Franchthi in Grecia dimostrano che venisse mangiata tra il 13.000 e l’11.000 a.C. (da Wikipedia).
Per molto tempo questo legume è stato coltivato, un po’ dappertutto,  anche a Ponza; ora sono pochissime le zone in cui viene ancora fatto.

Diversi gli articoli sul sito dedicati alla lenticchia. Segnaliamo, in particolare “Piccola antologia dei legumi (1). Le lenticchie” di Sandro Russo e “La scogna e lo scognare” di Salvatore Di Monaco sull’arte di battitura del grano e dei legumi, pratica del mondo contadino di una volta, in uso a Ponza fino agli anni ’60. Inoltre un articolo di Sandro Vitiello dell’agosto 2014: “Ventotene, isola di contadini“.

larte-della-battitura

***

Per l’articolo su h24notizieRaccolta delle lenticchie in musica, a Ventotene si rinnova una tradizione secolare

“È il prodotto tipico per eccellenza e da un decennio è stata “intensificata” la produzione biologica conservando la genuinità e la antica tradizione di raccolta a mano. Le operazioni di raccolta hanno inizio quando il sole sta per sorgere e terminano nelle prime ore del mattino. Interi filari di lenticchie vengono “scippati” e posizionati al sole per avviare il processo essiccazione.

Decine di uomini e donne di ogni età prendono parte a questo rito secolare che nell’ultimo periodo è tornato fortemente in voga, anche grazie all’impegno della azienda agricola Musella. Quest’anno una nuova formula prevede che il raccolto delle piccole lenticchie sia accompagnato da un gruppo di musicisti popolari, tammorre, organetti. Sciusci e ciaramelle allieteranno i contadini veri ed i turisti che per una giornata decideranno di prendere parte ai ‘Suoni della Terra’.”

SUONIDELLATERRA

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.