Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-28 i-34 vdp-02 ms-01 m2-25 92

Quando gli asini volano…

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Asinovola

 

Assuntina – Giggi’, mo’ si nunn’a furnisce ’i sfuresta’ i galline te romp’a capa. E’ capito o no?
Giggino – E vide ’i nun me scassa’… tu e ’sti quatte cose spellecchiate che se fottene sule granone!

As – Vanne scachetiànn’ ’a tutt’i parte e nun fann’ all’ove ‘a ’na settimana, pe’ colpa toia. Ma che t’hanno fatt’ ’i male, ’sti povere bestie?
Gg – Me servene ’i penne. Fa caude e a’lloro nun ce servono. A me sì.

As – ’I penne? E ch’accidente ci he fa?
Gg – Secreto di Stato. Si ’u ddico a tte, tu stamp’i ggiurnale e ’u ssape tutt’u munne.

Sang’ ’i Retunne – Ma è cosa questa che ve state semp’a appeccieca’? Giggi’ che ce fai tu ’ndu gallenare?
Giggino – Ah! Ecco qua! Mo’ stamm’a cumplete: è arrivat’u professore d’i cause perze.

SR – No! Chill’è l’avvocato che perd’i cause. Io so’ professore.
Gg – E che pierde?

SR – Perde tiempe appriess’a tte che si’ ’u peggio ’gnorante.
Gg – E allora vide ’i te fa’ i cazzettini tuoi. Uno a zero, e pall’a ccentro.

SR – Se ti vedono i Verdi che spenni le galline vive ti fanno la denuncia.
Gg – Uggiesù, ’i pozze spenna’ morte? …E si l’accide mo’, po’ che me mangie a’ Madonn’i miezz’ aùst’?

SR – I cunigli!
Gg – Ue’, ma stammatina a tte chi t’ha mannate? Nun tiene niente a cche ffa’?

SR – Se po’ sape’ che ci he fa’ cu’ tutte sti penne?
Gg – Si tu isse a’ chiesa, nun mm’i facisse tutte ’sti dumande. Faie ’u bolscevik mangiapriéute e po’ vuo’ sape’ i ccose ’a me.

SR – E mo’ che c’entra ’a chiesa?
Gg – Azz! E’ proprio là che ce sta ’na rivoluzzione mai vista. ’Uagliò  ’i cose vanno alla grande! Finalmente le cambieremo tutte.

SR
– A sì? E cosa dovete cambiare, il vestito alle galline?
Gg – Si’ propiete ’nu ’gnorante. Nun ce sta nient’a fa’.

SR
– Giggi’, tu te spieghi come ‘nu libro stracciato: ’a chiesa, ’u prevete, i galline, i penne… chi te capisce è bravo!
Gg – ’U prevete sape tutte cose!… vede chiaro. Ma cca  ’a gente è ’gnurante cumm’e tte e nun vo’ capi’: dicene che i ciuccie nun ponno vula’.

SR
– E certo, gli asini non possono volare. E con questo?
Gg – Ma a te ch’i te ddice cierti strunzate?

SR
– Ma perché, mo’ i ciucci volano?
Gg – Ciertamente! …una volta non lo potevano fare, mo’ sì. Questa è la rivoluzione: bastano un po’ di penne, ’a colla, oliare il tutto per bene ed il gioco è fatto. Pure i ciucci volano.

 SR – Giggi’, come al solito non hai capito niente. Questo è solo un modo di dire. Si dice che l’asino vola quando uno crede a chi promette cose impossibili.
Gg – E che vulisse dicere… che ’u prevete dice bucìe e prummétte cose fàuze?

SR
– Io non lo so, ma chi dice che gli asini non volano forse vuole intendere proprio questo.
Gg – A me ’i chelle che dice ’a gente cumm’e tte nun me ne fotte propiete niente: io ce crede e basta.

SR
– Ma dimme ’na cosa Giggi’: ammesso e non concesso che con le penne di gallina incollate, un asino possa volare, ma ’stu ciuccio addo’ sta?
Gg – Uggiesu’, cca ne tenimme uno eccezionale: si nun vol’ iss’ nun vole nisciuno!

SR – Sì, d’accordo… ma addò sta?
Gg – Sta ’nda ’na cisterna romana ’nzieme a quatt’ piecure: tene all’uocchi’e pazz’, i rrecchie a palette e ’na capa ’i mellone. Baste ’na cascia ’i rumm, ’nu càuce ’ngulo e arriva ’n Paraviso…

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.