Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0051-051 i-06 ss16 hp0056 la-galite sl372211

Giggino sexi star

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
hulk

Sang’ ’i Retunne – Assuntina! Da qualche mattina non vedo Giggino al bar. Sta male?
Assuntina – È ’na settimana ca nun se move d’a casa.

SR – E ch’è state? Non si sente bene?
As – Saccie ’i muorte suoie? Ogni tanto ci’afferr’ ’a pazzarìa e guaie a chi ’u ’ndoppe.

SR – Ho capito. Lo verrò a trovare. Potrebbe avere qualche problema serio.

(Qualche giorno dopo)

Sang’ ’i Retunne – Ueeee, Giggi’ che fai di bello?
Giggino – Sarranno pure cazze d’i miei? O no?

SR – Ma guard’a chisto: è ’u ringraziamento che uno s’interessa. Si’ propiete ’nu zambere.
Gg – Io vi conosco, site tutti trattascope. V’arricurdate degli amici sule quando n’avite bisogno.

SR – Guarda chi parla, guarda gua’..! Tu chissà come fai. Comunque sono venuto a trovarti perché ero preoccupato per te, non per altro.
Gg – E faie buone a esse preoccupato.

SR – Che problema hai?
Gg – Tu come mi vedi? Secondo te sono sempre lo stesso?

SR – Tale e quale! Strunz’ ire e strunze si’ rimasto. Forse ’nu poco depresso.
Gg – Stong’ preoccupato assaie.

SR – E perché?
Gg – Devi sapere che quann’acchiappavo Assuntina ero ’na bestia. ’A puverella scappave pe’ tutte parte, ’nn’a lasciavo ’n pace manche quann’ durmeva… l’ascippavo’i mutande ed erene battaglie. Facevo un’arte, d’a matina a’ sera… e pur’a notte. ’A deve ’nguolle pure ’nd’i catene e mentre deve ’u granone ’i galline… ’A puverella s’annascunneva ’ndi palette pe’ nun se fa truva’.

SR – Mamma mia Giggi’, veramente si’ comme n’animale. E che cazze!.
Gg – “Ero”, comm’e ’n’animalo! Ero! Ora è tutto finito, amico mio.

SR – Come è tutto finito? Ch’è succiéss’?
Gg – ’A settimana passata avev’appena furnuto ’a settima chiantella giornaliera cu’ Assuntina e so’ sciso a ghitta’ ’a munnezza, quand’… ’arete a ’nu bidone è asciute uno tutte pelate, c’u sigario ’mmocca e c’all’uocchie ‘’i pazz’ e m’ha ditte: “Uee cafone… T’ho visto che vai a fa’ ’e fetenzie co’ tu’ moje pure n’a cisterna romana mia: mo’ o accontenti pure a chi dico io, oppure te mando a conta’ li Verdi… Ha’ capito?”.

SR – Embè? Hai rifiutato?
Gg – No, no! …e ie i Verdi i’ nunn’i pozze vede’!

SR – Allora hai accettato?
Gg – Essì..! …e che puteve fa’?

SR – E allora? …Addò sta ’u problema?
Gg – Da allora nun so’ chiù bbuone.

SR – Mamma mia Giggi’, te si’ sfurzate troppo?
Gg –  Peggio: song’ arrimasto trummatizzato.

SR – Azz! E pecché?
Gg – M’ha acchiappàt’ ’na frastèra feroce assaie: teneva ’u cappiello in divisa e ’a mutanda in borghese e m’ha schiantato malamente. Song’ rimast’ c’u matricolo abraso…

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.