Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0038-038 0043-043 foto-04 k1-14a k2-31 IMG_20171105_102647 (2)

La posta dei lettori. Avventure sugli autobus isolani

Condividi questo articolo

a cura della Redazione (lettera firmata)
Postaa-300x240
 

Una lettrice ci scrive…

 

“Oggi, come spesso mi accade, ho usufruito del servizio autobus; sebbene sull’isola ogni momento ce ne sia una, tanto che sembra che criticare sia diventato uno sport, oggi è toccato al servizio delle autolinee.
Se con l’arrivo dell’estate prendere il bus è un’impresa perché sempre strapieni e spesso saltano le fermate – se non erro già si è detto su queste pagine… [sì, il problema si è già trattato: leggi qui – NdR] – nelle altre stagioni la situazione non è perfettamente rosea.
Certo da ottobre a maggio non c’è problema di soprannumero o di rimanere a piedi perché il mezzo è troppo pieno, ma i problemi sono altri.
Non voglio star qui a sottilizzare su che categoria (di “euro”) siano i nostri autobus, o come passino i collaudi, visto le palle di fumo nero che fuoriescono dalla marmitta… ma almeno la funzionalità minima deve essere osservata.

Nel pomeriggio di qualche giorno fa, mi è capitato di usufruire di un autobus dove la porta ha problemi di apertura e chiusura. Un malcapitato utente vi è rimasto chiuso a metà mentre saliva sulla vettura, per non parlare dello show avvenuto in via Piana per tentare di aprire la porta per far scendere i passeggeri! Il povero autista si è dovuto improvvisare anche tecnico e quando gli sono state poste le lamentele ha risposto: – “Eeeeh! …io che ci posso fare, più di dirlo! So’ tre anni che sta così! …Però solo in salita si blocca, a scendere si può scendere!”.
Insomma, se ci fosse stato un bambino, un ragazzino o semplicemente un anziano come avrebbe fatto?

È possibile che i ponzesi vengano sempre penalizzati in tutto e per tutto?!
Siamo nel 2016 e noi comuni cittadini ci vediamo imposto il cambio di veicoli con euro superiore al 3 e per le autolinee ponzesi ciò non vale?

Spero che quello a cui ho assistito oggi rimanga solo un ricordo e che il mezzo venga sistemato o addirittura posto in giacenza perché così non si può andare avanti!”.

Servizio Autobus

 

Nota della Redazione
Per un articolo del marzo 2015 che includeva anche il nuovo contratto, leggi qui: Servizio autobus e aumento del costo dei biglietti

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.