Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v6-1 v3-12a ss24 51 83 carta-galite

Gialli, profumati pensieri

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Giallo ginestre

 

Eccoti… sei tornata, e rimango senza parole a fermarmi in quell’angolo che soltanto ieri era ostile e oggi il tepore si fa strada fra le canne e riscalda.
Il corpo, questa macchina lenta a muoversi in inverno e dolente nelle giunture e nelle decisioni, al sole riprende la sua energia. L’upupa infastidita si porta più in là, e la ballerina gialla insieme al codirosso si intrufola fra le fave. Ancora in fiore, con qualche baccello sporadico, e il pruno ha già dismesso i petali dei fiori, e il mandorlo ha abbozzato i suoi frutti.

Sei tornata… eccoti all’opera sui moli dove un vibrare di euforia agita i gozzi. Partono all’alba e all’imbrunire, col codazzo dei gabbiani invadenti, ritornano all’attracco. Li attende un gruppetto di uomini. Assistono disincantati allo sbarco del pescato, ben sistemato nelle cassette: gronchi, murene, pesce sanpietro, scorfani.

Dall’alto dei colli, ingialliti dalle ginestre, scende il profumo della nuova erba, del nuovo sudore, della nuova speranza.

Anche l’anima si scrolla la cenere del camino, ripudia la gravità dei pensieri nati nel chiuso delle giornate uggiose, segue il ronzio dell’ape intorno al fiore del limone, si sorprende di fronte al nespolo così ricco di frutti che stanno maturando: uno è giallo limone, uno giallo sole, uno… lo mangio con avidità.

La primavera mi piace.

Tramonto a Chiaia di Luna

’A primmavera me piace

Quanno ’u sole se ’ncupa ’a punente
e ’a luna ind’u cielo piglia luce…
me piace
ca ’u viento
accappona ’a pelle
e me fa arreterà,
pecché ’a primmavera,
è vero
ca è venuta,
ma ancora nun è ’a padrona.

Me piace
sentì
ca ie so’ ’na cosa
’mmiezz’all’ate…
comme chesta runnenella
ca cerca
ind’i vie d’u cielo
chella c’a porta a casa.
Gira ncopp’a stu ciglio
e aspetta ’nu signale.
Chi ce ’u dà ?
’U sole s’arrossa, calanno,
e essa se ncammina.

Pogne ’u ventariello
e ie m’arretiro.
Chello ca sarrà
sarrà…
Stasera
n’ata speranza m’ha purtato
’a primmavera.

Questa la versione recitata. Ascolta dal file mp3:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.