Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ponza racconta h-36 mdp u-30 ponza-frontone-matilde-conte-e-marito-antonio-mazzella-e-figlio-umberto-mazzella 3

Buoni e Cattivi

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Att...tenti Fee...lici!

 

Sang’ ’i Retunn – Assunti’, ho visto Giggino che stava vestito come uno sposo: ch’adda fa’?
Assuntina – Saccie ’i muorte suoie che sta cumbinànn’. Ogni tanto fa n’asciuta d’i ssoie. Pe’ tramente ci’allave cu’ uno, ’u fa sante. Mo’ fa ’u pezzente e mo’ fa ’u squarcione. È pazze ’ngapa.

SR
– Effettivamente è molto instabile. E po’ vo’ fa’ ’u furbo e se fa fotte d’u primme ch’arriva.
As – ’Nu iuorn’i chiste ce romp’i  cervelle… cu’ tutt’a scolapasta che se mette ’ngapa  pe’ s’arripara’.

(Qualche ora dopo)

SR – Madonna Giggi’, me pare ’nu jott’ ’i spasse. Addo’ he i’ accussì cumbinato?
Giggino – Ho avuto un incaricamento maggiore e mi debbo vestire bbuono…

SR – A sì? E in che senso questo incarico è maggiore?
Gg – Beata ’gnoranza! È maggiore pecché è ufficiale. ’Nu maggiore ’i l’Esercito è o nunn’è ’n’ufficiale.

SR – Incredibile!! E chi te lo ha dato questo incarico ufficiale?
Gg – …E bell’isso! E i’ mo’ t’u veng’a dice a tte! Me faie accussì fesso?

SR – E te pareva. La diffidenza per i tuoi paesani è nata prima di te. Almeno dimmi che tipo di incarico è.
Gg – Teng’ ’a fa’ ’na lista.

SR – E che lista? Elettorale o d’a spesa?
Gg – No, ’a lista d’i buoni e d’i cattivi.

SR – Ahè! …E che, simme turnat’a’ scola?
Gg – See see… Tu fa’ ’u fesso pe’ nun ghi a’ ’uerra. Ccà stamme male pe’ colpa ’i chi nun vo’ capi’ comme s’adda cumpurta’. E perciò è cattivo.

SR – E comme s’avessa cumpurta’? Sentiamo.
Gg – Adda fa’ chell’ che dice Isso. Punto e basta! Sul’Isso sape. Tutt’allate so’ ciesse.

SR – ’Na specie ’i dittatura?
Gg – Ma quale specie! È propiete ’na dittatura. Pe’ nuie chesta ce vo’.

SR – Pure? Ma, dimmi, perché ti sei vestito così bene?
Gg – Ha ditto Isso: “A questi qua bisogna fotterli elegantemente!”. E ’uarda ccà che eleganza.

SR – Mamma mia! Ha truvato ’u fesso.
Gg – Ch’he ditte?

SR – Lasciamm’a sta ch’è meglio.
Gg – ’Uaglio’, statt’accorto a te che te metto ’nda lista d’i fetiénti.

(Qualche giorno dopo)

Gg – Io ’a lista l’aggie fatta, ma non va bene.
SR – A sì? Cosa non va bene?

Gg – Ha ditto Isso: “Metti nei cattivi tutti quelli che sanno legge, scrive e fa’ de conto. Tutti li padroni de li cani che pisciano su li olivi mia. Quelli che leggono li libri e li giornali. Chi va a’ chiesa der porto e no a’e Forna. Mettece chi parla male de li cessi de plastica e chi parla bene dell’assessore…”
SR – Come chi parla bene?

Gg – Essì, pure là ce stanne i buoni e i cattivi! …Poi ha ditt’ ancora: Mettece chi ci’ha avuto da ridi’ su ’e maioliche dee cazzate… Ah, e mettece puro chi nun beve rum”.

SR – E allora?
Gg – Alla fine dei conti ’ndi buoni ce simme rimaste sul’io e Isso.

SR – Azz! Allora si è finalmente reso conto che così non va bene?
Gg – Eeh, come no? S’è ’ncazzato malamente!

SR – E che ha detto?
Gg – Steve c’a facc’i pazz’ e cca ’lluocchi’a fore… e m’ha’lluccato: – ’Ueee, cafone ponzeseee! Chi cazzo te credi d’esse? Te devi da toje subbito da’a lista de’ bboni, ha capito? Qua uno solo ce deve sta! Uno solo è bbono! E’ chiaro?”.

Il soldato è felice..

1. Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.