Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0014-014 2009-07-19_12-33-50 k2-34 ss20 18 corrida8

La poltrona del dialetto (9). Scrive ind’u core

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
La poltrona del dialetto

 

Sommessamente, come si addice a chi sulla poltrona massaggia la sua anima attraverso il linguaggio della fanciullezza, presento la poesia che dice come, nell’età dell’ascolto, ci si possa motivare per diventare cassa di risonanza di emozioni. Come è accaduto per me.

Mare. Di spalle


Scrive ind’u core

’U viento ’i levante spannev’ a salimme,
’u mare scummava e faceva ’u sfaccimme.
Nananna me guardaie fitto
e stregnenneme ’a mano stritto
decette: “uagliò … scrive ind’u core
e quanno è tiempo, cacce fore”.
E ie aggio scritto, nun saccio si a raggione,
e ’u core s’è araputo,
è addeventato nu camerone.
Quanta robba aggie ’ncugnato
e sta llà,
aspettanno d’esse adduprato.

So’ cose ca parleno d’u passato,
so’ arrezzenute,
ma n’ aggie ghittate
pecché penzo ca forse
ponno servì n’ata vota
quanno nun sapimmo cchiù
addò mette ’a prota.
So’ cose d’u paese, d’a ggente mia,
parleno a ’u core
e sfruculeano ’a fantasia.

Stanno appese ’i viacruce d’a semmana santa:
ind’a chiesa ’a ggente prega
e fore l’aucielle canteno.
E i uagliune esceno d’a scola alluccanno:
che vuò penzà cchiù a’ maesta
e a’ paggella ’i fine d’anno.
Nu sacco ’i gghiastemme songo ammuntenate
d’ a ggente ca fatica
e nce ’a fa a izzà ’a capa.
Dint’ i caniste vide quanta suspire:
“te voglio bene e tu nun me cride,
ind’a sta grariata faccio ’a posta,
ma tu si’ passata
e stu core ha fatto ’a crosta”.
St’andore ca siente è d’a fresia quanno è abbrile:
’i femnmene se guardeno e rireno fra lloro
pecché è tiempo d’ammore.
Ittate llà ce sta quacche diessire
e vecino ’u sciallo niro
d’i vecchie ca saglieno cu ll’affanno
’a via d’u cimitero
e llà se stanno.
“Puozze ittà nu bbeleno amaro!”
allucc’ a mamma ’a copp’all’ara,
e ’u figlio scenne c’a sigaretta mmocca,
sicuro ca chella iastemma nun ’u tocca.

Tutte sti cose s’avesser’ a dice,
’u saccio, aggie prummise,
ma ’a voce se perde
mmiezz’a stu viento ’i levante
c’aizz’a terra,
’a porta ind’ a ll’uocchie
e me fa chiagne. 

Da: ‘A fore ’u scoglio russo’ – Isolaitudine Edizione- Ponza 2005

 

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.