Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-13_07-48-27 i-10 s ponza-cala-feola-sottocampo-maria-avellino-moglie-di-emiliano-sandolo-e-nonna-di-raffaele-sandolo-1952 ss11-1 pescatori-spiaggia

Il Comune prima dove stava?

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
1. Venerdì pesce

 

Giggino –  Zi’ Michele mi spiega le cose per bene. Sule tu nun me fai accapi’ mai niente.
Sang’ ’i Retunne – A sì? E cosa io non ti avrei spiegato bene? Sentiamo.

Gg – Pe’ colpa toia aggie cumbinate ’uaie mai visti. Muglièreme a mumente m’accedéva.
SR – A sì? Per colpa mia? No p’a cap’ ’i chiuove ca tieni tu? No eh?!

Gg – Io non ho studiato ma accapisco la vita assaie meglio di tico.
SR – See see… vabbe’!

Gg – Ieri zi’ Michele ci ha parlato della rincarnazione.
SR – Azz! Argomento profondo e controverso. E in che contesto?

Gg – No, no, ce n’ha parlate a voce, senza legge ’ncopp’i libbri.
SR – Giggi’ volevo dire in che occasione!

Gg – Ah! È che nuie, ogni tanto, pe sbaria’ ’a capa, parlamme ’i ati ccose. Mica putimme parla’ sempe ’i puorte, vapùre e munnezza. Ogni tanto cocc’ata cosa ce vo’. O no?
SR – Sai che ti dico? Fate bene, era ora! Qua oramai tutto è finalizzato a questi argomenti: persino i bambini ne parlano.

Gg – Mo’, però, io m’addumànd’ e dico: ma overamente uno putess’ nasce n’ata vota?
SR – Giggi’ è una teoria, non è dimostrato.

Gg – Eppure secondo me cca cocchedune è già turnate.
SR – Ecco qua! Mo’ ricuminciàmm’ ch’i fissazioni. Chi sarebbe tornato?

Gg – Comme chi? Porzio Pilato.
SR – Giggi’, e mo’ abbasta cu ’sta storia. Si chiama Ponzio Pilato ed è morto duemila anni fa e ccà nunn’è turnato propriete nisciuno. Punto.

Gg – See see… tu stai cu’ ’sta capa.
SR – Io già lo sapevo che tu in testa avevi qualche teoria stramba. Ci mancava sule zi’ Michele per darti corda.

Gg – Mo’, dico io, si chilli strunz’ d’u puorte se fossene cumpurtate buone e ’u prevete se fosse fatt’i cazze suoie, po’ esse che fosse già turnate.
SR – Chi sarebbe già tornato? Chi stai aspettando? E cosa c’entra il prete?

Gg – Ricordatelle: ’u prevete c’entra sempe. Tanne facette ’nu guaio e chill’ è cazze ca pure mo’ ne fa n’ate, ’i ’uaio. Ci’avimma sta accorte!
SR – Giggi’, ma di chi stai parlando si può sapere?

Gg – Me dicett’ ’u nonn’ mio che i tiemp’ antichi arrivaie uno che steve ’ncazzato assaie pecché ccà avevano misse ’a povera gente ’ngalera e i delinquenti ’a fore; allora arapett’ ’u carcere e dette fuoche a miezzu munno. Pure ’u municipio.
SR – Ma chi Pisacane?

Gg – Ma quale cane appiso: era un uomo.
SR – Sì vabbè! E allora?

Gg – Se questo si rincarna e torna, qua abbiamo risolto un sacco di guai. Ca sule n’atu frastiere ’mbriacone ce po’ salva’.
SR – Ma come li risolve i guai nostri? Ti stai ammattendo? Ora stiamo addirittura sperando nei miracoli?

Gg –  Effettivamente però c’è un problema e perciò che volevo sapere da te. Ma tu fai ’u solito prufessore e nun m’aiuti.
SR – Che vuoi sapere?

Gg – A me servirebbe sapere il giorno e l’ora precisa quando questo arriva.
SR – Ma perché, che devi fare?

Gg – Secondo te se quello torna sa dove andare? Nunn’u saparrà… Cca’ so’ cagnate tanti ccose.
SR – Andare dove?

Gg – Gli vorrei dire che il comune lo hanno spostato. Accapace che nunn’u ssape e invece d’u cumune dà fuoco a’ cas’i Clorinda e a “Tatonno tutto per la pesca”. E pure stavota rimanimme fettute.

Punta Bianca. Vecchia foto

 

Reincarnazione

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.