Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k2-19 v7-20 si la-galite-2009 premiazione-elena-bonelli Astroides calycularis

Alle donne erranti

Condividi questo articolo

di Rosanna Conte

Migrant Mother, 1936 - Dorothea Lange

.

Nell’unica, grande vetrina, in cui ci ha immersi il consumismo,  l’8 marzo rischia di perdere la sua nota essenziale: la valorizzazione della dignità femminile.

Sebbene la celebrazione  mediatica di questa giornata recuperi anche aspetti importanti della vita  delle donne con uno sguardo,  tra l’altro, ai problemi più gravi ed evidenti, la sensazione è che si sia propensi a festeggiare più che a riflettere. E’ questa una delle connotazioni del nostro tempo: l’angoscia del futuro, la perdita dei diritti e delle tutele, l’impoverimento costante sono ricacciati indietro alla facciata dell’apparenza, della superficialità, della spensieratezza.

Forse proprio in contrapposizione all’allegria di maniera, oggi vorrei recuperare un momento di profondo e sincero sentimento condividendo una poesia scritta da una donna per delle donne, quelle che sono costrette a scappare dalle guerre, dalle violenze, dalla fame,  portando spesso con sé i propri figli.

Anche nella  precarietà dell’erranza , la donna non tralascia le amorevoli modalità  materne e la poetessa Mariastella Eisenberg, così ce la canta.

Per cena una favola

Verde germoglio

profumo d’aglio

dappresso un tiglio

lontano un miglio

corre un coniglio

ed io lo voglio

lassù sul ciglio

mangia un germoglio

il mio coniglio

e

il bimbo ride

il mozzo irride

lei che sorride

timida intride

mani di fata

e di fattucchiera

nella patata

fatta di cera

e

Ho fame,

mamma,

scoppia la voce…

Aspetta,

figlio,

che ora cuoce…

(la poesia è tratta dalla raccolta Viaggi al fondo della notte. La migranza. L’erranza. La viandanza., di Mariastella Eisenberg, ed. Oèdipus, 2015)

getty_ungheria_migranti

Ungheria, migranti di oggi

Immagine di copertina. Madre migrante, 1936 – foto di Dorothea Lange

Condividi questo articolo

2 commenti per Alle donne erranti

  • Luisa Guarino

    Non c’entra molto con le donne erranti, ma c’entra con le donne, in questa giornata internazionale ad esse dedicata. Può sembrare superfluo, perché tutte noi sappiamo bene quanto chi ci ha preceduto ha dovuto conquistare, ma ritrovarsi quella realtà epica e dolorosa davanti agli occhi è un motivo in più per non dimenticare e continuare a lottare. Invito dunque chi ancora non lo ha fatto ad andare a vedere il film “Suffragette”, nelle sale da circa una settimana. In Inghilterra nei primi decenni del XX secolo migliaia di donne hanno sofferto, lottato, sono state in galera, hanno fatto scioperi della fame, sono state costrette a rinunciare ai loro figli, sono morte. Ricordiamolo. E non solo oggi, in questa giornata che ancora in troppi semplicisticamente e consumisticamente, come sottolinea Rosanna, definiscono “festa della donna”.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.