Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-7 s-1929 26 silverio-mazzella veduta-spiaggia-con-barche sl372206

Rivoluzionari di cartone

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Nick Carter

 

Assuntina – ’Ueee! Avisse viste a chillu sceme d’u cumpagne tuoie?
Sang’ ’i Retunne – Poco fa è passato comme ’nu fulmine cu’ l’Apecar. Quando fa accussì nun vede a nisciuno.

As – Chisà che sta cumbinanno. Si fa cocc’ato ’uaio ’sta vota ’u spest’. E mo’ basta!
SR – Ma da quanto tempo è così indaffarato ?

As – Dall’urdema ’mbriacata, quando l’hanno purtato a’ casa man’ e piete. Quando s’è scetate me pareva ’nu pazzo sfrenato. ’A tanne, mena sule iastemme.
SR – Avrà subìto qualche torto… chissà.

As – A te che te sta chiù a senti’, vide ’nu poco che sta passanne.

(Qualche ora dopo)

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, tutt’apposto?
Giggino – ’Uaglio’ durme duòoo! Cca ce stanno futtenno e tu che faie? Liegge e duorme! Duorme e liegge!

SR – Chi ci sta fregando? E cosa ci stanno fregando? Fammi capire.
Gg – Cosa ci stanno fregando? ’A terra ‘a sott’i piedi, ’a vita e pur’all’aria che respiramme. M’addo’ cazze vivi?

SR – Ma quando è successo tutto questo? Ieri sera?
Gg – Seee! …’a poco! Chist’è sceme..! So’ quatt’anne che ghiettamm’u sangue. ’A ieri!? …Ma va va, cammi’..!

SR – E adesso cosa pensi di fare?
Gg – Ci stiamo organizzando per fare una rivoluzzione. Ma no ’na rivoluzzione e basta…

SR – A no? E cosa?
Gg – Avimma fa’ ’na rivoluzzione che è ’na rivoluzzione avère. Hamma scassa’ tutte cose e l’amma ghitta’ ’a ’ngopp’abbascie.

SR – Addirittura? E chi siete?
Gg – Simm’a paricchie ’i nuie. Tutte ’ngazzate nire. E mo’ basta: ogni limite ha la sua misura.

SR – Giggì… si dice: “Ogni misura ha il suo limite”.
Gg – A sì? Allora uvvi’ ca pure tu stai incazzato?

SR – Sì, ma non credo nella vostra rivoluzione.
Gg – A no? …E se vede che nun si’ abbastanza ’ncazzato.

SR – È che qua le rivoluzioni non sono mai avvenute perché c’è troppa divisione.
Gg – No no, mo’ ci siamo uniti tutti quanti: saraghi, retunni, coreani e zarrisi. Stavòt’a rivolta se fa, se fa..! Stamme tutte d’accordo.

SR – E quando pensate di farla, ’sta rivolta?
Gg – Stiamo aspettando il momento giusto.

(Qualche settimana dopo)

SR – Giggi’, io aspetta aspetta, ma qua non è successo niente.
Gg – ’A colpa è d’i vapure.

SR – Cosa c’entrano i collegamenti con la tua rivoluzione?
Gg – Arricuòrdate: i vapure c’entrano sempe!

SR – A sì? E dimmi ora come c’entrano.
Gg – Appena avimme saputo che “Chille”… “Iss’” inzomma… ieve all’estero, a Centocelle, avimma fatto ’a riunione ’nda cisterna romana. E mentre se scummatteva ’ngopp’a chi teneva cummanna’ e a chi teneva ’a paga’…  chella, ’a-Cascia- ’i-Muorte-Veloce, nunn’è turnat’a ’rrete pecché era fernùt’a nafta?

SR – Ma no..!?
Gg – Ma sì..! “Chillo”, appena è sciso, comm’ha saputo d’a riunione rivoluzzionaria, c’è venut’a cerca’.

SR – Azz! E po’?
Gg – Mentre ’Ngiulillo iettava iastemme contro all’assessore, ha spalancat’a porta uno tutte pelate, c’all’uocchi’e pazze e ’nu sicarie mmocca e ha strellato: – Uéee!! E voi che cazzo state a fa’ drentro ’a cisterna mia?

SR – Mamma mia. V’ha acchiappate ’ngopp’u fatte?
Gg – Appena l’avimme viste… è succiesso n’ammuina bestiale: – A mme, a mme, tocca a mme… Levat’a miezze, è d’u mio, l’aggio visto primma io… Levat’allòc’ strunz’, io ce l’aggio prummisse primma ’i te ”… Uno aguoll’a nate… ’na ’uerra.

SR – Azz! Allora ce l’avete fatta! Altro che rivoluzione… Avite fatto meglio ancora!
Gg – Sì sì, io m’aggie misse ’a copp’a tutti! Ero il più forte!

SR – A sì?
Gg – E ciertamente. Aggie arrassato a tuttu quante a cuorp’i cazzuttune… e il caffè, alla fine, sono riuscito a offrirglielo io! Chest’è!

1. Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.