Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k2-16 s-01 l-10 89 veduta-spiaggia-con-barche L'approdo romano presso Cala Inferno

Quel basilico del primo venerdì di marzo

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino
Basilico

 

Oggi, primo venerdì del mese di marzo, come ogni anno pianterò in due tre vasi i semi di basilico, come faceva nonna Fortunata. Certo, ai suoi tempi e a Ponza, quando ancora c’erano le stagioni e primavera era primavera, se i primi di marzo piantavi il basilico, potevi contare in breve tempo sulle prime timide foglioline che spuntavano dal terreno, rotonde, piccole piccole, faccia a faccia. Cresciute un po’, bisognava “spastenarle” (spero di aver scritto giusto), cioè toglierle delicatamente e porle in un vaso più grande, con più spazio a disposizione. Per favorire la loro crescita, nonna e zia Concettina mettevano un paio di vasi sul davanzale della finestra di casa, all’inizio di Via Roma.

Lì pare il sole battesse quasi sempre, e grazie all’effetto rafforzato dai vetri della finestra, in breve tempo le piantine crescevano belle e rigogliose. Fino a qualche anno fa le persone più anziane della piazza lo ricordavano ancora. Così come ricordavano, sempre sullo stesso davanzale, molto profondo e posto interamente all’interno di casa, la presenza di Fuffi, il gatto d’angora portato da Sermoneta a Ponza per una vacanza estiva, e rimasto lì a fare compagnia a nonna e zia anche dopo la nostra partenza, dietro insistente e affettuosa richiesta delle stesse.

GIORGIA 11NOV09

Tornando a quelle “teste ‘i vasinicola” (vasi di basilico), esse facevano bella mostra di sé da primavera all’autunno. Ora credo che anche a Ponza ciò non sarebbe più possibile. Infatti da qualche anno a questa parte noto che quei microscopici semi trovano sempre maggiore difficoltà sia a mettere fuori il capo che successivamente a crescere. Così sono costretta ad alternare l’esposizione all’aperto che il soggiorno dentro casa. Perché, anche se le piantine poi vengono fuori, arriva sempre il freddo a metterle in difficoltà. Questo almeno in terraferma, non so se almeno in questo Ponza sia rimasta un luogo privilegiato, grazie a uno speciale microclima.

Certamente mi direte che ormai le piantine di basilico già cresciute e ‘ben svezzate’ si trovano in ogni momento dell’anno, in negozi, vivai e supermercati. Lo so benissimo e le acquisto regolarmente. Però volete mettere una preziosa, unica, piccola “produzione propria”? Beh, anche oggi io ci provo, contando sul mio pollice verde (?!) ma soprattutto su un pizzico di fortuna.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.