Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-08 ss27 107 26 veduta-1 Immagini storiche di Ponza

La poltrona del dialetto (8). Ogge ‘u mare volle e scumma

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca Levante_-Dietro-la-Ravia

.

Ogge ‘u mare volle e scumma

Ogge ca ‘u mare,

pe comme volle e scumma,

ce fa sentì ncopp’a stu scoglio,

uommene appese a nu chiouove,

te vene a pensà

ca ncopp’ all’isola staie sempe sotto prova.

Sì, è vero,

nce sta chella tensione

d’a vita ind’i città,

stracciata fra impegne, orarie e relazzione.

Cca ‘u massimo ca po’ succedere

è ca ‘u vapore stasera nun vène,

c’abbasce a piazza nesciune se ntrattène

e ‘i perzone so’ ombre senza parole.

Tuorne a casa avvelute,

pecché l’umanità nse riesce a manifestà:

sta nserrata ind’u core

e roseca.

Chella ca è na dote ‘i chi parla e pensa

addeventa na malatia cu freve e infruenza.

Te ntoppe ca se fanno favure a ‘i cumpare ‘i seggia

e a giustizzia resta pe chi nun tene appoggio.

Insomma ‘u despietto trova ricietto mpietto

e l’umanità vene scamazzata e fatta a piezze.

Faie finta ‘i t’accuntentà

ca ‘u petterusso vene a beccà fino a vecino ‘a porta

e te saluta ‘a matina,

c’ a fresia già s’ è fatta a sente p’ u ciardino.

E pò … stu scemo ‘i tiempo mo fa tempeste

e mo c’ u sole fa fiurì ‘i ghianeste.

Ogge po’ stu mare scumma e volle,

m’appreparo perciò nu brodino cu na coscia ‘i pollo,

nce penzo troppo

si no ghiastemmo.

pettirosso infreddolito

.

Questa la versione recitata (in file mp3)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.