Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-05_0 e-14 v3-13a classe-1-avviamento-1960 58 corrida9

P’a fest’i Fforne

Condividi questo articolo

di Tonino Esposito
San Silverio della sagrestia delle Forna

 

Ho pensato di inviare a Ponzaracconta, in occasione della festa di San Silverio alle Forna, una poesia dalla raccolta del mio amico Franco De Luca, che lessi e misi in musica alcuni anni fa.
La poesia dal titolo “A nomme ‘i Ddio”, mi piacque perché la fantasia mi portò ai racconti di mio nonno Totonno Califano, quando mi parlava dei ponzesi che emigravano in Argentina… il lungo viaggio, la fatica, le sofferenze e tutto quello che pativano nel lasciare Ponza, i parenti, gli amici e spesso le loro famiglie.
Così pure i pescatori che soprattutto in questo periodo lasciavano Ponza per andare in Sardegna – come mi raccontava mio nonno per la sua esperienza – o anche sulle coste tunisine, o in Toscana… e in tante altre parti che sicuramente la gente di Ponza sa meglio di me.
Dove? …C’è un posto dove non sia andato un ponzese?

La propongo in occasione della festa di San Silverio alle Forna, festa istituita proprio per tutti i pescatori fornesi e ponzesi che dopo la festa del Santo Patrono lasciano il paese e la famiglia (ancora oggi?), per recarsi sui posti di lavoro lontano da Ponza e far ritorno in autunno.
Dedico questa poesia-canzone a chi va lontano a lavorare, per augurare una buona fortuna e soprattutto per ricordare loro che la mano di Dio sta sempre sulla prora delle loro barche.
Un caro saluto e buon viaggio.

Ascolta qui dal file mp3:

 

A nomme ‘i Ddio

Diceveno i viecchie antichi primma ’i piglia’ ’a via:
“A nomme ’i Ddio”.
E ghieveno sicuri ca pure ind’u scuro
’a varca metteva a prora addò vuleva ’u core.
“A nomme ’i Ddio”,

e parteveno pe’ gghi luntano
a fatica’ fino a spella’ i ’mmane.
O ieveno emigranti ’ncerca ’i furtuna
C’a panza addiuna.

’Nu segno ’i croce, ’nu sennuzzo ind’a voce,
e parteveno c’a speranza
’i truva’ nu poco ’i ’bbunnanza.
Pericule, malatie, e ’na fatica chella che sia sia;
chesto l’aspettava
ind’u viaggio c’accummenciava.
“A nomme ’i Ddio.

 ’Nu mumento sulo ’i nostalgia
e po’ pronti a piglia’ ’a via:
“A nomme ’i Ddio “,
“A nomme ’i Ddio”.

Emigranti

Immagine di copertina: una effigie di S. Silverio (testa in cartapesta lavorata), conservata nella sagrestia della chiesa delle Forna (leggi qui)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.