Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0041-041 h-13 l-07 u-16 3 Idraulica antica: cisterna della Dragonara

Abusivismo legale o legalità abusiva?

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
L'abusivismo colpisce tutti

 

Giggino – Io mi domando e dico: “Ma qua’ legalità si ccà ce sta chi fa comme ce pare”?
Sang’ ’i Retunne – A sì? A che proposito?

Gg – See see… tu fa sempe finta ’i nun sape’ niente d’u fiasche ’i ll’uoglie.
SR – Giggi’, cosa farei finta di non sapere se non ho capito a cosa alludi?

Gg – Secondo te, cca se po’ costrui’ senza licenza?
SR – Certo che no!

Gg – E allora me dici’a mme pecché cca i frastiere fanno chelle che vonne?
SR – Giggi’, ma tu di chi stai parlando esattamente? Fammi qualche esempio.

Gg – Ma so’ cose ’a fa? Hanne spertusate pe’ tutte parte?
SR – Addirittura ‘spertusato’?

Gg –  Essì! Spertusate spertusate. A Chiailuna ’nu sfaccimme ’i buco ca nun se riesce a truva’ ’na soluzione. A Santa Maria ’nu ruttone che è ’nu schiaffe ’nfaccia pe’ quant’è brutt’ e scarrupato. Pescine abbandunate tuorno tuorno. Mure rutte. Parracine e canale abbandunate. E che modi so’ chiste?
SR – Giggi’, ma tu stisse parlanne degli antichi Romani?

Gg – Antichi o moderni, semp’ frastiere so’. E nuie ccà babbà!! Guardamm’a llore?
SR – Ma che cazze dici Giggi’, non è così: stai facendo confusione temporale.

Gg – E sì, temporale e burriana! Rispunn’a me: ’a tenevano a licenza pe’ scavà sott’u cimitero che mo’, pe’ colp’alloro, se sta scarrupanno?
SR – Sott’u cimitero? I ‘rott’i Pilato?

Gg – E bbravo! O secondo te, l’ha scavate Austino?
SR – N’ata vota cu’ sta storia?

Gg – E po’, sapessero costrui’. Hanno fatto ’u ruttone d’u Serpente chiù ’ngopp’i ll’acqua d’u ruttone ’i Santa Maria? So’ ccose ’a fa’ senza ’na centrale elettrica?
SR –  La centrale elettrica? Gli antichi Romani?

Gg – He lett’ ’i  “reggiole storiche” fore ’u ruttone o no? Comme cazz’a pump’ all’acqua ’a sott’a ’ngopp? Cie vo’ o no ’na motopompa elettrica? Tenevano apprimma costrui’ ’a centrale e po’ fa’ ’u ruttone. O no?
SR – Mamma mia e ch’arruina che sei.

Gg – E mo i paisane tuoi ’nvidiuse e peducchiuse che vulessene fa’?
SR – Che vulessene fa’? Dimmelo tu.

Gg – In mezzo a tutto questo sconquasso fatto da ’sti cazz’i Romani, vulessene disturbare uno che fa ’i ccose per bene?
SR – E chi sarebbe costui che fa le cose per bene?

Gg – Lascia sta, nun se dice. Qua le chiacchiere stanno a zero… e port’ a zero, perché le cose si devono saper fare.
SR – E come si dovrebbero fare ’ste cose?

Gg – Primma se fa ’a sanatoria e sulo dopo s’accostruisce abbusivo. Capisci’a’mmè!
SR – Hai capito? Ma cosa hanno sanato?

Gg – Sei metri per otto di cemento armato e maioliche: ’nu splendore… ’na reggia!
SR – È un albergo?

Gg – No, è ’nu cesse.
SR – Accussì gruosso?

Gg – La comodità è comodità. O no?
SR – Scusa Giggi’, ma la licenza ottenuta così non è abusiva?

Gg – Uvvì comme site fatte stuort’ vuie frastieri-ponzesi? È cosa ’i fa’ ’u pilo pe’ ’na costruzione fatta a regola d’arte che abbellisce lo scempio fatto dai Romani? L’avessero ringrazia’ che si fa.
SR – E a chi si dovrebbe ringraziare per questa cosa? Famm’accapi’!

Gg – Uggesù, e so’ dumande ’a fa’? All’Ass’e Coppa.

venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.