Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0046-046 polina-02 s1-23 s2-27 ss15 aricolo

Lettera chiusa all’assessore

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Vignetta. Fatti e parole

 

Giggino – Sient’ammè, tu che hai studiato fore, m’aissa aiuta’ a scrive ’na lettera.
Sang’ ’i Retunne – A sì? E a chi la dovresti scrivere questa lettera?

Gg – Mo’ n’accummencia’ a fa’ dumand’ ’i cazze.
SR – Ma guard’a chiste! Se ti devo aiutare dovrò pur sapere a chi è diretta?

Gg – ’U saparrai ’u mumènt’ iusto… mo’ t’he fa i cazze tuoi: è chiaro?
SR – E va bene. Ma almeno dimmi cosa riguarda.

Gg – È ’nu sfogo e ’na minaccia.
SR – ’Na minaccia? Ue ’uaglio’, ma tu a chi vuoi mettere nei guai? Cercati ad un altro correttore di bozze.

Gg – Ma ch’è capito? Io nun voglio fa i buozz’ a nisciuno: io so’ contro la violenza negli stadi. E po’ ’a lettera io non la spedisco pe’ mo’.
SR – A no? E che ci fai?

Gg – ’A teng’ pronta, accussì quando le cose si mettono male, la spedisco, divento una roia e alle elezioni me votano a mme.
SR – Diventi un eroe? Cu’ ’na lettera in ritardo? Giggi’, mo m’he dice che vuo’ fa’, perché secondo me ti stai cacciando in qualche altro guaio.

Gg – Io voglio scrivere una lettera chiusa all’assessore.
SR – All’assessore? E che gli vuoi scrivere?

Gg – Ce voglio dice che m’ha deluso.
SR – A sì? E su cosa ti ha deluso?

Gg – Tanto p’accummencia’, sulla chiusura delle spiagge.
SR – E sì, hai ragione, è ’na vera tragedia.

Gg – Ma comme! Dich’io… so’ arrivati a chiude l’85 pecciento delle coste: e i restanti 15? Qua so’ abbituati a fa’ sempe i lavori incompiuti. ’Na schifezza mai vista. Il vecchio che si ripete!
SR – Ma che dici? Che dovevano fare? Chiudere proprio tutto?

Gg – E ciertamente! Io me so’ stufato ’i vede’ frastiere pe’ tutteparte. S’i facéssene a Freggene e a Cientocelle i bagni… che vènene a se sciacqua’ a’ casa nosta. Ccà tenimma ’a che fa’.
SR – Incredibile. E poi?

Gg – E po’, te pare iuste che ’nu vapore hadda i’ ’annaz’e ’arrete cu’ quatte iatte a buòrde? ’Nu spreco ’i nafta… Ed io pagooo!
SR – E allora…? Solo due volte a settimana? Comm’i tiemp’i ’uerra?

Gg – E pecché mo’ stamm’ in pace? Chesta nunn’è ‘na ’uerra? Primma o poi l’affonnano.
SR – Vabbè vabbè… E poi cos’altro gli vorresti scrivere?

Gg – E po’ chelli piante ’i aulìve abbascie i banchine. Te pare iust’?
SR – E che ti devo dire? Forse in quel posto andava messo altro?

Gg – A me nun me pare iust’ pecché all’aulìve ’i voglie pure ’nda miniera, ’nda Cavatella, abbasci’a Fonte e ’ngopp’u summariell’. E’ chiaro?

SR – Addirittura? ’Na furesta ’i aulìve?

Gg – E po’… ’i vulimme pure nuie ‘i mattunelle d’i cazzate: ’i ’zzeccamme fore ’a ’rotta ’i zi’ Razziella. E che… ’i cazzate sule alloro? Ce attòccano pure a nnuie ’i cazzate maiolicate. O no?

SR – Pur’i mattonelle mo’ vuo’?

Gg – E po’ ce vulesse scrive pure ’i luva’ ’a miezz’u sinneco ca ’nn’è capace ’i fa’ ’na cattiveria a nisciuno! Téne ’u core troppe doce, nun se sape vendica’… Inzomma è tropp’ disponibile cu’ ’sti quatt’ cafùne. E questo non va bene: qua non bisogna dialogare, qua si deve essere stronzi.

SR – A me non mi pare che sia proprio così, ma se lo dici tu…  Giggi’, scriviamo ’sta lettera, su… prima che ci ripenso!

(Qualche settimana dopo)

SR – Giggi’, ma ch’è stato, non ti ho visto più.
Gg – Statt’ zitte! T’arricuord’ ’a lettera? Assuntina l’ha speduta.

SR – Ma no!?
Gg – Ma sì..! Chella stronz’i Cuncettina ha accummenciat’a allucca’: “È cadute ’u sinneco, è cadut’u sinneco”. E chell’ sùbbete Assuntina ha spedut’a lettera.

SR – Ma quello è caduto perché è scivolato sopra le olive impastate con la munnezza e l’acqua di latrina mentre leggeva le mattonelle… mica si è dimesso!
Gg – Essì, ma chell’ha fatto confusione e ha cumbinàt’ ’u ’uaio.

SR
– Azz! E ch’è succiesso?
Gg – Io, pover’a ’mme, nun sapevo niente… e mentre m’arriteràvo, è asciùt’ ’a ret’ i mattunelle uno tutte pelato e c’all’uocchi’e pazze e m’ha ditto: “Ueee, cafone ponzese, ’a prossima vorta ’a lettera mandala direttamente a mme che qua commanno tutto io: l’artri nun contano ’n cazzo. Ha’ capito? ”. E m’ha scassate tutt’i mattunelle ’ngapa. Chest’è!

Una persona onesta. Altan

venerdì pesce

 

Immagine di copertina. Vignetta di Altan

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.