Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-24 l-07_0 u-07 k2-25 ernesto-13 37

La poltrona del dialetto (7). Stu figlio bello

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
paternità

.

Abbiamo sentito sulla nostra isola l’alito fetido della donna nera con la falce. Con la testa china, come è destino degli uomini, tentiamo nell’intimo di trovare difese per affrontare questa esistenza. Stiamo così, abbandonati al silenzio dei sentimenti.

 

Stu figlio bello

.

Stu figlio bello

è n’angiulillo:

sta durmenno sapuratiello

comme nu cagnulillo

vecino a me.

Ie m’u guardo fitto,

ce dongo nu vaso zittu zitto,

me stregno ‘a manella mpietto

e m’ aizzo d’ u lietto.

Figliu mio bello,

chi sa quala stella

sta ncielo pe te.

‘U vulesse sapé

stu papà tuie

pe t’ appreparà na via

chiena ‘i salute e alleria.

Duorme bello ‘i papà,

dimane forse nce sta

stu patre ca te fa tanto sicuro,

tu nte appaurà d’ u scuro,

chiammelo comme fosse vecino,

t’ addunarraie c’ u tiene nsino

stritto dinto a te.

Duorme a papà

duorme, nte scetà.

(da   All’anema ‘i Ponza)

.

Questa la versione recitata (in file .mp3):

 

Condividi questo articolo

1 commento per La poltrona del dialetto (7). Stu figlio bello

  • Silverio Guarino

    “Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale,
    da la quale nullu homo vivente pò skappare; guai a quelli
    ke morrano ne le peccata mortali; beati quelli ke trovarà
    ne le tue santissime voluntati, ka la morte secunda no ‘l
    farrà male.”

    Da “Il Cantico delle Creature” di Francesco d’Assisi, 1224.

    Nessun alito fetido, per lui.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.