Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_14-18-30 a4-r e ernesto-23-05-08 103a Astroides calycularis

Calcio Ponza. 18^ Giornata di Campionato

Condividi questo articolo

a cura di Giovanni Califano
Ceprano.1 Panoramica

 

CAMPIONATO DI II^ CATEGORIA 2015-2016, GIRONE M – 18^ GIORNATA
Stadio Comunale “Armando Vollero”, Ceprano (FR)
VIS CEPRANO – POLISPORTIVA DIL. PONZA: 3-2

Il Ponza, dopo aver affrontato il mare mosso, viene accolto a Ceprano da freddo, nebbia e pioggia: si preannuncia una domenica bestiale; al Vollero nessuno è riuscito a vincere in questa stagione e la PoliPonza ci proverà nonostante le numerose assenze.
De Santis schiera i suoi con un 4-2-3-1 camaleontico: Califano tra i pali, Vecchione, Repele, M. Migliaccio e A. Vitiello in linea difensiva, il duo Carofano-Rispoli D. a schermare la difesa, con Orlando, Pappa e Ra. Vitello a ridosso dell’unica punta, il capitano di giornata R. Napolitano.
Agli ordini dell’arbitro Scarangella di Cassino, il calcio d’inizio è affidato al Ponza.

Ceprano.2

L’avvio è di marca cepranese. Già al 4° Califano deve superarsi per dire di no al mancino a giro di Mandarelli destinato all’incrocio dei pali.
Il Ponza risponde con Orlando al 6°, ma il suo tiro al volo è velleitario e non inquadra lo specchio della porta.
Un giro d’orologio dopo, ancora Mandarelli pericoloso con un calcio piazzato, alto di poco.
 Il numero 9 cepranese su punizione dal limite al 19° inquadra la porta, ma Califano smanaccia.

Il Vis Ceprano schiaccia il Ponza nella sua metà campo e gli isolani sembrano incapaci di organizzare una risposta. 
Al 24° un tiro insidioso di Buonanno dalla lunga distanza viene respinto di istinto da Califano con un piede.
Prova e riprova, il Ceprano passa meritatamente in vantaggio al 33°: Improta dalla linea di fondo lascia partire un cross arretrato che trova impreparata la retroguardia ponzese; Mandarelli arpiona il pallone, vince un rimpallo e con la punta del piede trova il palo più lontano.
I padroni di casa sono scatenati e sfiorano il raddoppio su azione da corner, con Manna che salta indisturbato all’altezza del primo palo e non inquadra la porta, graziando un Ponza letteralmente ‘in bambola’.
Il Ponza si sveglia dal suo torpore in vista dell’intervallo.
Al 44° l’arbitro nega un rigore ai ponzesi per uno scomposto quanto evidente fallo di mano di Antonelli; sul proseguo dell’azione, il pallone termina tra i piedi di Carofano che alza la testa, vede l’inserimento senza palla di Pappa e disegna con l’ormai consueto compasso una sciabolata che il centrocampista minturnese tramuta in gol.
Clamoroso (ed immeritato) pareggio del Ponza al tramonto della prima frazione di gioco con la prima rete in maglia ponzese di Mauro Pappa.

Troppo brutto per essere vero il primo tempo degli uomini di De Santis, mentre Celenza può decisamente recriminare per le numerose occasioni create e non sfruttate dai suoi.

Ceprano.3

Dopo la strigliata subita all’intervallo, il Ponza parte decisamente bene nella ripresa.
 Al 48° Pappa cerca l’eurogol da centrocampo: il suo tiro al volo destinato in rete viene deviato in corner da Lancia con un gran colpo di reni.
 Sul susseguente calcio d’angolo, la palla buona capita a Napolitano, ma il suo colpo di testa termina debolmente tra le braccia del portiere.
Il Ponza guadagna campo e fiducia, mentre i padroni di casa arretrano il baricentro, intimoriti dalla pressione ospite.
Al 63° azione avvolgente degli isolani, con il pallone che giunge ad Orlando largo a destra; cross delizioso ancora per Pappa, colpo di testa da posizione vantaggiosa, a lato di poco.
Se questa era una occasione clamorosa, ancora più clamorosa è la palla gol che capita al 65° sempre sui piedi dello scatenato Pappa: Ra. Vitiello lo imbecca di testa e lo libera di fatto solo davanti al portiere; il sinistro di Pappa è preciso e destinato a terminare in rete, ma provvidenziale è l’intervento del neo entrato Polselli che salva sulla linea.
La fase di dominio del Ponza trova il giusto premio al 70°: Orlando va in fuga sulla corsia destra, schizza a gran velocità verso la porta avversaria con una progressione palla al piede sontuosa, resiste ad un paio di cariche finché Antonelli non lo stende in area. Scarangella non può che decretare il calcio di rigore ed ammonire il difensore cepranese.
 Carofano si presenta sul dischetto, freddo come il sangue di un cobra: pallone a sinistra, il portiere Lancia a destra: Ponza in vantaggio!

Neppure il tempo di festeggiare il terzo sigillo stagionale di Carofano, che il Ceprano conquista a sua volta un rigore, altrettanto netto. E’ il 77°.
 Se lo guadagna Mandarelli, vero spauracchio della difesa ponzese: Califano intuisce, come sempre capitato in questa stagione, ma il mancino del bomber cepranese è troppo potente, 2-2. Botta e risposta.

Tornano prepotentemente in partita gli uomini di Celenza. All’81° Sanna si improvvisa slalomista consumato, dribbla quattro uomini e si presenza in area davanti a Califano, ma col mancino svirgola malamente.
All’89° è Mandarelli a far calare i titoli di coda sul match del Vollero; il suo sinistro dal cuore dell’area è mortifero e porta il Vis Ceprano in paradiso, condannando il Ponza all’inferno della sconfitta, nel modo più doloroso.

Un film già visto non più tardi di due settimane fa a Castrocielo.
Vince il Ceprano 3-2 un match tiratissimo ed emozionante, deciso dal one man show Riccardo Mandarelli, mattatore con una tripletta eccezionale.

Ceprano.4

Partita dai due volti: prima frazione totalmente appannaggio dei padroni di casa, incapaci però di dare il colpo di grazia ad un Ponza davvero pessimo e poi colpiti da Pappa nel finale; ripresa con un Ponza intraprendente e coraggioso, ma come sempre poco incisivo in zona gol. Del resto l’uomo più pericoloso di giornata è stato Pappa, non certo un habitué dei 16 metri. Sicuramente il pareggio sarebbe stato un risultato più giusto.
Fatali una volta di più gli ultimi minuti di partita agli uomini di De Santis, la cui classifica non riesce proprio a decollare.

Il Ponza, infatti, rimane al dodicesimo posto a quota 18 punti e tornerà in campo già mercoledì contro lo Spinium FC nel recupero dell’8^ giornata.

Ceprano.5

Tabellino incontro:
VIS CEPRANO: Lancia, Rea, Viselli (dal 31° Polselli), Sanna, Manna, Antonelli, Buonanno, Improta (C) (dal 73° Crescenzi), Mandarelli, Tasciotti, Bottoni (dal 57° Belmonte).
A disp.: Tedeschi, Sferragatta, Recchia, Andreozzi.
All.: Celenza.
POLISPORTIVA DIL. PONZA: Califano, Vecchione (dal 78° S. Vitiello), A. Vitiello, Repele, M. Migliaccio (dall’85° G. Tescione), Carofano, Pappa, R. Napolitano (C), Ra. Vitiello, D. Rispoli, Orlando (dall’89° F. Tescione).
A disp.: B. Rispoli, Taglialatela.
All.: De Santis.
ARBITRO: Sig. Stefano Scarangella della sezione di Cassino (FR).
MARCATORI: 33°, 77°(rigore), 89° Mandarelli (V), 44° Pappa, 70° Carofano (rigore)(P).
NOTE: ammoniti Antonelli, Mandarelli, Bottoni (V), Repele, D. Rispoli, Vecchione, Carofano (P).

Ceprano.6

Risultati 18^ Giornata:
Briganti – Real Piedimonte SG 3-0
Esperia ASD – AS Penitro 2-0
Mistral ASD– Atl. Cervaro 1-0
Nuova San Bartolomeo – Pro Calcio San Giorgio 3-1
San Giovanni Incarico – ASD Castrocielo 2-4
SS San Lorenzo – Marina Maranola 5-0
Spinium FC – Real Maranola 3000 2-0
Vis Ceprano Calcio – Polisportiva Dil. Ponza 3-2

Ceprano.7

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.