Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p18-1-di-4 ambrosino-06 ss18 35 08 pescatori-1

Voglia ‘i turna’

Condividi questo articolo

di Teresa Pagano

riflessioni


Voglia ‘i turna’

L’onna sbatte contr’ i faragliune

Sciacqua i scogli

Fuiene ‘n cielo i roje

E i vocie ‘n cielo accumpagnene

‘u cuncierto d’u mare.

Ind’a curteglia arriva andore ‘i sale

che s’ammesca c’andore d’i giardini.

Me sonno tutte cheste ogni sera.

‘A luna ‘n coppa a Vientutene

che allustra ‘na via argiento

fino i canne arreta ‘a casa…

Casa mia…

I vricci che se tozzano a Chiai’i luna

i vie che iardene ind’a controra

i voce d’i creature ind’i marine

E ‘u vient’ ‘i maist’…

Vient’ che piega i vastacciétt’,

che fa scappa’ ‘a mare i piscature

che fa tremma’ i llastre d’i feneste

e me tene scetata ind’a nuttata.

Casa mia…

E ‘u calore d’u saluto d’a vicina

e ‘u sapore d’u roccocò ind’a vernata

Casa mia…

E’ ora ‘i turna’

M’aggio schiarita ‘a voce

Teng’ ll’età pe’ pute’ parla’!

mare d'inverno

Condividi questo articolo

1 commento per Voglia ‘i turna’

  • antonio scotti

    Poesia stupenda e delicata che ti avvolge e ti abbraccia di nostalgia con rime che delineano a tutto tondo lo stato d’animo
    Che dire brava Teresa non conoscevo la tua profonda vena poetica – La tua poesia è da annoverare tra le più belle che io abbia mai letto su Ponza

Devi essere collegato per poter inserire un commento.