Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_14-18-30 e sa s 15 corrida9

Visita di Stato

Condividi questo articolo

By Sang’ ‘i  Retunne

 

isola_santo_stefano_carcere_procura_latina

GIGGINO – Io l’aggio sempe ditte che Vientuténe è ‘a rruina nosta.

SANG’ ‘I RETUNNE – E mo’ ch’è stato? Oggi la questione cambia indirizzo?

GG – Sacc’io! Me capisco sule sule.

SR – E famm’ accapi’ pure a me. Che t’hanno fatto i cugini isolani?

GG – Vueee! Sarranno parient’a te, no a me: è chiaro?

SR – Dire cugini non significa essere parenti, ma stare vicini nelle difficoltà, essere simili nelle problematiche, condividere aspirazioni, speranze e, perché no, anche dolori.

GG – Guagliò, sarà come dici tu, ma cca ‘i delure song sul’i nuoste: mentr’allate “fottene e se ne fottene” nuie passamm i ‘uaie.

SR – Ma che stai passanne tu! Dai! T’he sta sule zitto.

GG – E’ c’è bisogno che t’aggia fa ‘a lista? Tu all’uocchie nunn‘i tiene?

SR – Ma qual’è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ti ha fatto incazzare?

GG – Aooo! Quale vaso? N’accummenciammo! Io non so’ stato, io nun saccie niente d’i vasi: è chiaro? Ccà se fa ambressa a ddà a colp’a ggente. Allat’i scassano e ccu me s’a pigliano?

SR – Giggi’ che cazz’he capito? E’ un modo di dire: volevo sapere cosa ti ha fatto arrabbiare ulteriormente.

GG – Dico io, cu’ tutto chelle ca chiste ha fatto  a Lucia è ccosa di farlo andare a Vientuténe?

SR – E chi è Lucia? E chisto chi è?

GG – Aeeee! Mo accumencia a fa ‘u sceme p’e nun ghì a guerra. Lucia che don Enrico nunn’a vuleva fa spusà a Renzo.

SR – Giggi’ mo’ aggio capito: quello è Renzo il marito di Lucia dei “Promessi Sposi”, questo è Renzi del Governo. E’ n’ata storia, hai sbagliato tragedia.

GG – A si? Comunque chi è è, io stong’ ‘ngazzato.

SR – E perché? Che t’ha fatto? Ha messo troppe tasse?

GG – No, quali tasse: io tante nunn’i pago. E’ cosa ch’ hadda ‘i a Vientuténe ‘ndu carcere ‘i Santustefano? Nuie cca tenimme nu sacco ‘i cose scassate, c’è bisogno ‘i i’ llà?

SR – Madonna Giggi’, ma che c’entra?

GG – Comme che c’entra? E che nuie simme chiù fess’i lloro? Simme nuie che tenimme chiù robba scassata. Hai voglia: ‘U cimitero, ‘u ruttone ‘i Santamaria, Chiai’lune; Fruntone; ‘u faro da Guardia; ‘a muntagna d’u Core, Calenfierno…. E ce sta bisogno ‘i i’ a Vientutene?

SR – Giggi’, ma quel carcere lo devono sistemare, perciò vanno là.

GG – Addirittura? Uvvì che tengo ragione io? Vientuténe è ‘a ’rruina nosta: nuie nun simme cazz’i fa arapi’ Chiai’luna e chist’iccà acconciano ‘nu cesse viecchie. Bell’arrobba! Complimenti.

SR – Comunque è un monumento del passato che va tutelato. E’ un simbolo politico.

GG – ‘U carcere.

SR – E beh, sì!

GG – Ma tanto io lo so perché ‘u marito ‘i Lucia nun vene ccà.

 SR – Non è il marito di Lucia, ma comunque sentiamo perché.

GG – Perché ccà hanno perso ‘a fascia.

SR – Giggi’… comme hanne perse ‘a faccia?

GG – No, noo..! Propie ‘a fascia! Chella ‘i tre culure.

SR – A sì? E quando l’avrebbero persa?

GG – Mentre facevano ‘a traina a riggiole fore ‘u Scoglie Russo l’hanno perz’a mmare.

venerdì pesce

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.