Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-13 paolo-01 e-06 s1-23 10 la-galite-2009

Corna: vari formati

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Corna

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’ non vedo da un po’ di tempo Assuntina: ma sta bene?
Giggino – Vide ’i te fa’ i cazzi tuoi e iamm’ d’accordo. He capito?

SR – Mamma mia! …e che è? E si’ addeventato sprucido ’i chesta manera? Addeviente sempre più cafone e inavvicinabile. Arrassesi’… Leh’ leh’!
Gg – ’Uagliò, chi se guard’ ’u ssuie nun fa male a nisciuno. Ccà ’a ggente è malamente e i’ nun me fido.

SR – Ma guard’a chisto! Io sono amico tuo e proprio a me mi dici questo?
Gg
– E chille so’ proprio gli amici a te fotte. Cca po’ simme speciale a ce fa’ ’i scarpe une cu’ll’ate.

SR
– Io vorrei sapere a te chi te le dice queste sciocchezze. Sicuramente la banda del bar: là ’u chiù sano téne ’a rogna.
Gg – Rogna o culera, a mugliéreme ’uaie a chi a guarda!

SR
– Capirai, ’a grande bellezza..! Giggi’, ma famm’u piacere cammi’…
Gg – E’ bell’ ’a toia.

SR
– Ma io neanche ce l’ho: so’ ‘signurino’. Qua non trovo quella giusta.
Gg – Appunto: si’ ’na schifezza d’omme tu, figurammece comme fosse mugliérete. Perciò ’nna truove: ccà i munnezze adatte a te so’ fernute..!

SR
– Mo’ però m’he ’a dice perché questa improvvisa gelosia… Qualcosa è successo, io ti conosco bene… Dimmi la verità.
Gg – Essì, qua la gente invece ’i penza’ ai fattacci propri, se va a ’mpeccia’ d’i cazz’i llate, e manco i muglière stann’u ssicuro.

SR
– E spiegati meglio! Che hanno insinuato ad Assuntina?
Gg – ’Uueee! A Assuntina nisciuno ci ha ’nzifonato niente, è chiaro? E vide comme parle, ca t’andomm’ ’i mazzate.

SR
– Giggi’, ma che cazz’ he capito? Insinuato, tentato, cercato di corrompere.
Gg – No no, pe’ mo’ no. Ma curare è meglio che prevenire.

SR
– Giggi’ è ’u cuntrarie! …Comunque ho capito.
Gg – Tu… tu, che faie tant’ ’u saputiello ca nun s’i spusate, statt’accorte a màmmete.

SR – Addirittura? Ma chella è vecchia.
Gg – See se, tu statt’ cu’ ’stu penziero.  Chist’ arramàzzan’ tutte cose: abbasta che respirano e che so’ frastere, comm’è màmmete.

SR – Giggi’, ma che cazz’ dici, dai! Ma che ce stann’i perversi sessuali mò, cca ’nderra?
Gg – ’Uagliò cca ’u fatt’è serio. Tu non ci vuoi credere?

SR – Fammi un esempio concreto.
Gg – Aiére zi’ Michele ha ditto: “Cca è una mass’ ’i curnute fetiénte!” …E quando parla zi’ Michele è cassazzione.

SR – Ma secondo me non voleva dire quello che hai capito tu.
Gg – A no? E pure Verrucciéll’ ha ditte: “Ce mancaveno curnute cca? Ce vulevano pure i frastieri residenti? Stamm’ arruinate!”.

SR – Giggi’, secondo me, muglièrete sta u ssicure e pure mamma mia! Qua la questione è diversa. Ti stai sbagliando!
Gg – ’Uagliò, tu a me nun me futte, he capito? Ccà ce stanno troppi curnuti e io nun voglio fa’ ’a stessa fine.

SR – Ma non sono le corna che pensi tu.
Gg – Scusa, ma pecché, quanti tipi ’i corne esistono?

SR – Non sono un esperto, ma queste non sono corna regolari.
Gg – Infatti… mo’ che m’u ddice… pure a mme m’è parùte strano quando zi’ Michele ha ditto: “…E facite attenzione pure a chillu curnuto d’u prèuete che sotte sotte ce sta futtenne a tuttu quante”.

1. Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.