Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0045-045 2009-07-28_13-34-58 p-17 g-02 antonio_darco premiazione-elena-bonelli

La poltrona del dialetto. (5). Siente che viento

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Troppo vento

.

Adesso sì, in questi giorni sì, c’è bisogno della poltrona. Col freddo che ci sta colpendo lasciarsi al calore del dialetto è piacevole. Specie se accomodati in poltrona. Le condizioni meteomarine sono un pretesto.

 .

Siente che viento!

’U siente… stammatina
che viento?
Scippa ’u paliere ’a faccia ’i catene,
scozzeche ’i mmure
e dint’ i vicule se mena.
Arape porte,
sbatte feneste,
aizza ’a terra,
fa cadé ’i teste.

Sesche…
ind’i frasche d’i ‘uastaccette,
p’i pale d’antenne,
p’i file addò spanne.
’I vvecchie arèt’i lastre
‘uardeno preoccupate,
i uagliune vanno a’ scola
c’a mano accumpagnate,
i piscature abbasce ’u porto
fanno crocchio,
parleno d’u tiempo
e badeno a i vvarche cu’ ll’uocchie.

’U mare è tutto ’na scumma:
’a fore se ’ncrespeno ll’onne
e po’, ’nfacc’i scoglie,
se sprufonneno.
Ponza è comme ’ntrunata
e ’a paura accumpagna ’sta matenata.
Uommene e femmene,
viecchie e guagliune
c’a capa avasciata
aspetteno ca passa ’a iurnata.

’Nce sta iuoche,
‘nce sta alleria,
’sta pazzaria d’u viento
stregne ’u core
scamazza ’a vuluntà,
ce fa sentì polvere
ca ’na refola sbatte, sfrantumma
e po’ fa vulà.

 

Versione recitata. Ascolta dal file .mp3

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.