Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-53-53 k1-14a lamonica-02 24 44 Un rimorchiatore rimesso a nuovo

Mala gente

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Gente mala y mala gente

 

Giggino – Tu che sai quasi tutte cose, secondo te ’a gente ccà è veramente malamente o vo’ fa’ ’a malamente?
Sang’ ’i Retunne – Bella domanda! Tu sei malamente o vuoi fare il malamente?

Gg – Io? Io so’ bravo, so’ gli altri che fanno i malamenti e me fanno addeventa’ malamente pure a mme.
SR – E dalle! E’ mai possibile che la colpa è sempre degli altri?

Gg – Tu mitte Assuntina. Io stonghe bbravo bbravo a  guarda’ ’a partita e ess’accummencia… iett’a munnezza, ianchiéa ’a curteglia, astapp’u cess’, attacc’u cane, port’ all’erv’i cuniglie, vatte cocche… fa’ ccà, fa’ llà, fa ’ngopp’ e fa’ sott’. E io addevente ’na bestia. Mo’ chi è ’u malamente sicondo te?
SR – ’U malamente si’ tu. Quelle cose le avresti dovute già fare prima e non aspettare che Assuntina te le chiedesse.

Gg – E bell’isso! ’Uagliòooo, io so’ omme e essa è femmena: è chiaro?
SR –  E dalle che so’ cepolle cu’ ’sta storia. C’è la parità di diritto: tanto ha’dda fa’ essa e tanto he fa’ tu.

Gg – E chi ’u ddice?
SR – Come chi lo dice. Lo dice anche la legge: la donna ha gli stessi diritti dell’uomo.

Gg – Ma cca stamm’a Ponza.
SR – Embè? Pecche ccà nunn’è Italia?

Gg – Nun me pare.
SR – A no? La verità è che qua è Italia solo quando vi fa comodo a voi.

Gg – E uillòco ’u prufessore frastiero-punzese. Mo’ accummience a romp’u cazze?
SR – Allora dimmi perché qua non sarebbe Italia.

Gg – Pecché ccà nun ce stanno l’italiani.
SR – E che simme marrucchine?

Gg – Che ne saccio d’i fatti tuoi..?
SR – Giggi’, famm’a capì dove vuoi arrivare con tutto ’sto discorso.

Gg – Che nuie simme bravi! E’ chi vene cca a nun’esse bbuone… e ce fa addeventa’ malamente pur’a nuie.
SR – Chi, gli italiani?

Gg – Gli italiani, i ’mericani, i svizzeri, i mariolini, i formiesi, i muort’i mammesi.
SR – E chi sarebbero questi ultimi?

Gg – Come chi sarebbero? Gli amici degli amici ’i chi t’è mmuorte, che vénene cca’ a fa’ i furbi. Tanto trovano i fessi a’ll’aspetta’.
SR – Insomma tutta gente malamenta. Siete circondati, non avete speranza!?

Gg – E no! Ce simme attrezzati pe’ difenderci.
SR – A sì? E come?

Gg – Avimmo armate  ’na banda ’i fetiente chiù fetiént’i chisti cca. Accussì lloro se fanno ’a guerra e nui ce facimm’i cazze nuoste.
SR – Come al solito.  E come funziona?

Gg – Uggiesù! Io abbatt’a te e tu abbatt’a mme… e nuie faticamme.
SR – Faticate?

Gg  – Essì! Chi frauca e sfrauca nun perde mai tiempe. Chiù se fatica e chiù se guadagne!

1. Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.