- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Ce sta chi ce penza…

divagazioni di Luigi Pellegrini
Napoli vico [1]

 

Rileggendo le mie opinioni riguardo gli accadimenti che spinsero il sud verso una tragicità delle condizioni sociali ed economiche, immediatamente dopo l’unità d’Italia, ho tratto alcune considerazioni che mi spingono a credere che oggi quelle stesse condizioni sono nettamente migliorate.
Certo c’è sempre chi varcando il ponte del Garigliano, mette il portafoglio nelle mutande e nasconde l’orologio e monili di valore.

quartieri-spagnoli-panni stesi [2]
Certo c’è sempre qualcuno che crede che ‘la terra dei fuochi’ inizia con il territorio compreso tra la provincia di Napoli e la provincia di Caserta.
Certo c’è ancora qualcuno che crede che il sud puzza e quindi quando si ritorna in Italia, la prima cosa da fare è mettere tutto in lavatrice.
C’è sempre qualcuno che visitando l’ex Regno delle due Sicilie dice:

Ce sta chi ce penza

Ma che puzza into a ‘stu vico
Comme fa ‘a gente a campa’
Cu ‘sta puzza sotto ‘o naso
Ca nun se po’ cchiù suppurta’
Mo’ chiamammo a quaccheduno; ccà quaccosa
s’adda fa’
Simme strunze o poco buone
Forze è chesta ‘a verità (due volte)

E’ passata ‘a prucessione
Pure chesta è tradizione
Se ne cadeno ‘e palazze e a nuje ce abbrucia ‘o mazzo
‘A città è cchiù pulita ma ognuno mette ‘o dito
E ’nce vo’ magna’ (due volte)

Ma nun dà retta, ce sta chi ce penza
‘Mmiezo a ‘sta gente ce sta chi ce penza (due volte)

E s’è rotta ‘a sajettera
‘A gente scrive ‘e nummarielle
Ma qua’ nummere e ‘a culonna
Ce vo’ l’aiuto d’à Maronna
Chi ce ‘o dice a San Gennaro
Ma ‘a fernimmo cu’ ‘sta storia
Ccà scarzeano ‘e denare e s’adda campa’

E l’America è arrivata
’Nce ha purtato tanti cose
So’ tant’anne e tanta storia
E nun se ne va
S’è pigliato ‘e meglio posti ‘e chesta città
Mentre nuje jettammo ‘o sang’

Ma nun dà retta, ce sta chi ce penza
‘Mmiezo a ‘sta gente ce sta chi ce penza (due volte)

(testo di Pino Daniele)

C’è sempre una frangia di creduloni che continua a pensarla così…
Luigi Pellegrini

 

Da YouTube il pezzo (parziale) interpretato da Pino Daniele nel marzo 1983 negli studi della Radiotelevisione Svizzera italiana (RSI):

.

[3]