Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-04 v4-19a v3-13a h-23 sl372210 sl372237

In musica una poesia di John Keats, tradotta in dialetto da Silverio Lamonica

Condividi questo articolo

proposta da Tonino Esposito
I-faraglioni-di-Lucia-Rosa-a-Ponza

 

Gent. Redazione

La scorsa estate incontrai Silverio Lamonica e parlando delle novità da poter inserire sul sito di Ponzaracconta, mi accennò ad una traduzione – dall’inglese al dialetto napoletano – che lui aveva fatto tempo prima da un autore che non ricordo come si chiamasse, mi sembra John Keats pubblicata sul Sito tempo prima (leggi qui – NdR).
Gli chiesi di farmela avere e così fece; si trattava di una poesia “On the sea” che Silverio aveva tradotto abilmente non “Sul mare”, ma “Pe’  ‘mmare”, secondo me più azzeccato.
Lessi la poesia in dialetto e mi piacque, parlava di mare, di grotte, di spiagge… Era cosi ben fatta che vedevo in tutto ciò la nostra cara isola.
Pian piano con la mia fantasia cominciai a metterla in musica e poi gliela feci ascoltare. Mi rispose che gli era molto piaciuta e così gli chiesi il permesso di pubblicarla sul sito.

Sperando di fare cosa gradita vi invio ora questa poesia tradotta direttamente in napoletano da Silverio Lamonica, “Pe’ ‘mmare”, musicata e cantata dal sottoscritto.

Cordiali saluti e “bbone fatte feste” a tutta la redazione.Alle prossime
Tonino

.

Ascolta qui dal file mp3:

.

Pe’ ’mmare

’Nda cchesta spiaggia, addo’ ’nce sta nisciuno

’u mare murmurea nott’ e ghiuorno

e a migliare ’e ’rotte so’ affamate:

se saziano cu’ ll’onne appetitose.

E dint’ a ’lloro so’ rummure antiche

rummure eterne ca sul’a luna ’o sape.

E spisse ’o core sujo è troppo bbuono

ca nun ci ’a fa’ a move ’na patella

fosse ’a cchiù bella…..

Po’ ’o viente vene ca smove tutte ’ll’onne

quanno è vierno.

Ma si chist’ uocchie tuoje chin’ ’e chiant

Fall’ addulci’ guardanne chistu mare,

si nun ci ’a fai a senti’ chi rrecchie toje

chillu rummore ’e ’ll’onne  ’nfaccia i scoglie.

Si ’u mare troppo calmo te disturba,

assèttate vicin’ a chella rotta

ca proprio ‘ll a mo’ cantano ’e Sirene.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.