Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-27 l-06 v4-5 v4-9a ernesto-13 101

I ponziopatici

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
La trappola

 

Giggino – Aaah! Comme simme state belle chist’anno! ’Na goduria mai vista!
Sang’ ’i Retunne – Site chi?

Gg – Nuie punzise veri, no i fauze cumm’e te.
SR – E perché sareste stati bene quest’anno, voi isolani veraci?

Gg – Comme pecché? Non siete venuti a scassare le scatole natalizie.
SR – Come no? Io sono venuto!

Gg – ’Nu strunz’ nun fa ’na fogna.
SR – Come dire che una rondine non fa primavera?

Gg – Lascia sta all’aucielle protetti. Po’ dice che so’ io.
SR – Quindi, se ho capito bene, qua il guaio grosso sono le persone. Più state da soli e meglio state?

Gg – Bravo, he capito! Uvvi’? Quanne vuoi tu accapisci bbuòn’..!
SR – Certo che state conciati proprio male. State rasentando l’asocialità. Ma come fate a vivere in questo modo? Isolati nell’isola.

Gg – Vuie comme facite a sta’ fore ’mmiezzo a chill’u casino? Da questo si vede comme site strevese vuie e no nuie.
SR – Ah! Noi saremmo strani?

Gg – E ciertamente. I’ quanne parto nun veghe a’ll’ora ’i me ne turna’ a’ casa mia. Vuie invece site ’bbacati ’ngapa.
SR – Giggi’ tu he arraggiuna’. Come fai a dire che noi siamo gli strani se tu non riesci a stare lontano da Ponza nemmeno un giorno?

Gg – Propiete chist’ è ’u problema. A me m’è venut’a tiarrea a fischio e cu’ i dulur’i panza, quand’u vapore nunn’è partute ’a Formia. E vuie? Anni e anni fore. Po’ venite cca a cie romp’u cazze. Site anomaliii! E pure  streveze!
SR – Ma guarda che il tuo problema è patologico, ti devi fare vedere da un psichiatra. Pure Assuntina soffre dello stesso problema?

Gg – Assuntina no, è cuntenta. Chell’abbasta ca nun cucina e nun fa ’a spesa, stesse a cas’e’diavule e a Centocelle ’nda Svizzera.
Ma chille è d’u puorto?
SR – Chi?

Gg – ’U minchiatra?
SR – Che cazz’è capito? Si chiama psichiatra. E’ un medico che studia i problemi della mente.

Gg – Ce varraie tu e tutte chilli cumm’e tte add’u duttore d’i pazzi. E’ chiaro?
SR – Ma uno che si sente male fisicamente quando sta fuori dal proprio paese, secondo te è normale?

Gg – Maa… i’ saccie ca pure tu si’ state male quando te ne si’ ghiute a’ vi’e fore?
SR – E’ vero, aggio chiagnuto pe’ ’nu mese sano sano. Poi alla fine mia madre mi ha portato dal dottore.

Gg – A si? E che t’ha detto il dottore?
SR – Che ero affetto da una strana malattia: me mancavano i strunz’ comm’e tte.

Gg – A sì? Tenìve nostalgia d’i sang’ ’i retunne?
SR – Proprio così.

Gg – E comme se chiamma ’sta malatìa?
SR – Ponziopatia acuta: quando stai ccà, all’isola ’a menass’a ffunne cu tutt’i passeggieri, e quanne te ne vaie chiagne a essa cu’ tutt’i strunz’ cumm’e tte.

1. Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.