Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_13-47-13 l-a 30-07-2005-19-29-18_0002 l-09 68b sl372222

La poltrona del dialetto. (4). ’A rasacca

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

Il periodo natalizio induce all’abbandono, all’ozio. Non tanto per le condizioni meteo, per nulla invernali, bensì per l’andare dolce delle ore incline al ricordo, al familiare. Sono le stesse emozioni che suscitano le poesie in dialetto.

Risacca
’A rasacca

.

’A rasacca va e vene,

sbatte i scoglie, sciacqua e ’nse frena,

scumma appena, fa ’nu poco ’i rummore,

scenne e ind’ i fussetelle ’ntrona.

I pullece fuieno iucanno,

’u range se bagne e ’nse bagne,

’a patella fa finta ’i niente:

tutto ’stu sciacquo l’accuntenta.

Ind’a ’stu fragne leggero e quieto

l’occhiatelle luccecanno ’u sole tenene arrete

all’aleghe, danne morze

comme ponno, a deritto e a orze.

’A pelosa, annascuosta comme ’u mammone

ind’ a spaccata è ’nu mautone,

l’acqua ce passa ’a coppa

essa c’ a ranfa sta pronta e tocca.

Addo guarde guarde è ’na palpetazzione,

comme ’a natura tenesse emozzione.

Tutto se move, niente sta a lutto

e ’a rasacca vene, va, bagna e s’asciutta.

.

Questa la versione recitata:

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.