Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-25-bis antonio_darco paesino-1 Forme multicolore di spugne incrostanti Colonie di Astroides calycularis Spugne, briozoi e astroides

L’assessore

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

http://www.dreamstime.com/royalty-free-stock-photo-christmas-fish-santa-red-hat-vintage-drawing-ca-card-old-texture-new-year-image33848295

.

Zi’ Michele – Giggi’, tu all’amico tuie l’he lascia’ perde, he capite sì o no?
Giggino – E chi fosse, “questo amico mio”?

ZM – Uno ne tiene, e te mitte pur’a fa’ ’u misterioso? ’Uaglio’, tu cu’ mmiche ’unn’he pazzia’ che te fai male! Te facci’abbatte ’u ciesse! E’ chiaro?
Gg – Ma Zi’ Miche’… tu he capi’: chill’è ’nu povero cristo, nisciuno ’u dà retta. Si nun fosse pe’ mme stesse abbandunato… sulo, sulo. È ’n’opera ’i carità, chella ca faccie ie.

ZM – E tu ’a carità lasciala fa’ a chi ’a sape fa’. Tu t’he fa i cazz’ tuoi e bbasta. Sino’ t’accumprumìtte.
Gg – Ma c’ha fatt’i male? Se po’ sape’? Ha ’ccise a cocchedune?

ZM – Peggio, peggio, assaie peggio!
Gg – Azz! E nun me facite mett’a paura..! c’ha fatto?

ZM – Parla male ’i ll’assessore.
Gg – Azz! Ma pecche’ nun se po’ fa’?

ZM – Nun se po’ fa’ che?
Gg – Nun se po’ parla’ male ’i ’ll’assessore?

ZM – No! Se po’ parla’ male sule d’u sinneco, l’assessore è tabù.
Gg – Ta-bum! …Comm’e ’nu tric-trac?

ZM – ’Uagliò, tu ’a ’nu poco ’i tiempe fai troppi dumande: nun se po’ e basta!
Gg – E chille ’u fatto è… che pur’io aggie parlato mal’i ’ll’assessore.

ZM –  ’U ssaccio, ma tu si’ ’gnorante e ’u puo’ fa’..! ’U problema è che ne parle male pure chi ne capisce coc’cose. E mo’ basta mo’! Ccà po’ parla’ sule chi nun capisce niente, chi  invece capisce coc’cosa s’hadda sta zitto. E’ chiaro? Questo è l’ordine e guai a chi non ubbidisce.

 (Qualche ora dopo)

Giggino – Assunti’, ha ditto Zi’ Michele che cu te pozze parla’ pecchè tu n’accapisce niente.
Assuntina – E tu fattell’ ch’i viecchie ’nzallanute e vide che fine farraie.

Gg
– E pecchè..? Zi’ Michele è ’nzallanute?
As – Pecché, pe’ te accapisce?

Gg – E ciertamente ch’accapisce!  Accapisce chiù ’i te e ’i me misse ’nsieme.
As – E allora, si è accussì, tu nun puo’ parla’ manche cu iss’. O no?

Gg – Azz! Nun ci’avevo penzato. Essì… Si pur’isso accapisce, nun ce pozze parla’!
As – Uvvì quante si’ strunze!?

(Più tardi, incontrando il suo amico proibito)

 Giggino – ’Uagliò ha ditt’ Assuntina che i’ nun pozz’ parla’ cu’ Zi’ Michele, e Zi’ Michele m’ha ditto che nun pozze parla’ cu’ te? Ma allora… nunn’aggio capito: cu chi cazze pozze parla’?
Sang’ ’i Retunne – E perché questi veti incrociati?

Gg – Tu parli bene o parli male dell’assessore?
SR – Che domande! Io ne parlo bene!

Gg – Azz! Non mi dire! Tu parli bene dell’assessore? Uvvi’ che Zi’ Michele  s’è sbagliato? I’ ’u ddecevo che tu nun capisce niénte. M’ero preoccupato che non puteve parla’ chiù manche cu’ tiche: saie ’i ccose, ma n’accapisce niente.
SR – Giggi’… ce cride che non ci ho capito niente?

Gg – Amico mio! …è meglio accussì! Tu cca nunn’ he capi’ niente, mai niente… sinnò non puoi parlare da nessuna parte e cu’ nisciuno. Cca hanno diritto alla parola sule i sciéme! Evviva l’assessore! Quant’è bello l’assessore!

I mullette

1. Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.