Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0042-042 2009-07-21_18-08-27 p-18-3-di-4 28-07-2005-0-18-15_0000 v7-20 la-spiaggia

Ballata ’i maletiempe

Condividi questo articolo

inviata da Tonino Esposito

 

Gent. Redazione,
vi avevo scritto qualche tempo fa, che mi stavo dedicando ad una filastrocca di Franco Schiano… Me l’aveva inviata questa estate, e poiché è divertente e mi piace, l’ho messa in musica a modo mio.
L’ho terminata da qualche giorno e l’ho inviata da ascoltare, per correttezza, all’autore del testo che mi ha risposto con piacevole commento e che l’avrebbe messo sul blog Cala Felci.
Ho pensato di farla ascoltare anche a voi che siete oltretutto – almeno qualcuno di voi -, anche ‘buongustai’ di musica.
Si chiama – come l’ha chiamata Franco Schiano – “Ballata ’i maletiempe”.
Franco, a mia richiesta, mi ha detto che non ha nulla in contrario che la pubblichi su Ponzaracconta.

Tra qualche giorno, in occasione del Natale, spero di poter inviare qualche brano natalizio
Saluti e a presto.
Ciao Tonino

Mareggiata-alla-parata

.

.

Ballata ‘i maletiempe

.

Se nu maletiempe

masculo t’accumpagne

è sicure ‘u malu guadagne,

se ‘u tiempe invece è sicure

ogni cannella pesca a cciure.

*****

‘U scirocco e ‘u levante,

abbascia ‘u puorte,

va int’u culo a tutte quante.

‘I chisti tiempe abbascia ‘a Fonte

non ce ne fotte ‘u rieste ‘i niente.

*****

‘U punente e ‘u maestrale

dintu ‘u puorte, scassene

‘u cazzo, ma nu’ fann male.

Pu’ furnese è tempurale

ma nu’ jenche ‘i piscinale.

*****

Tramuntana scura

e scirocco chiaro

miettete a mare

e nun’avè paura

ca pelle e varca stanne  u sicure.

*****

‘U libeccie e ‘u mezzejuorne

nun ti llieve mai ‘a tuorne.

Una sola è a cunsulazione:

se jenchene ‘i piscine

e sdevachene ‘i cantine.

*****

Grieco, levante

e acqua i ciele

mangia tu sule

e duorme a duje

sotte ‘i zizze d’a femmena toje.

*****

Scirocco e levante

Falconiere sona

e Filomena cante

nun s’esce a mare

e stamme allere tutte quante.

*****

[Di Franco Schiano: dedicata e mio padre Salvatore e mia mamma Filomena e ai pescatori di Ponza]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.