Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-36 i-05 l-14 h-23 scansione0003 La spugna nocciolina: Chondrilla nucula

Non solo calcio a cinque, anche un discorso noioso

Condividi questo articolo

di Vincenzo Ambrosino
La partita col Fondi.1

 

Da quando è iniziato il campionato di calcio a cinque, il Fornamare ha disputato nel suo campo solo due partite, una l’ha vinta 4 a 3 e l’altra la persa di misura 1 a 2, il resto delle gare le ha disputate fuori in continente e ovviamente le ha perse tutte.

Noi abbiamo sempre detto che vincere o perdere non importava, l’importante era partecipare per divertirsi ma dobbiamo constatare che anche quest’ultimo obiettivo lo stiamo perdendo perché si sa che  in tutti gli sport solo la vittoria ti da la felicità.

Lontano dal tepore casalingo difficilmente riusciremo a far punti per cui difficilmente riusciremo ad essere felici e purtroppo a farci giocare fuori casa una volta si mette il fato e l’altra il ricatto.

Domenica abbiamo giocato a Fondi, contro una squadra non certo irresistibile, ma questa partita la dovevamo invece giocare in casa.  Il presidente del Fondi aveva dei problemi e li ha esposti al nostro presidente che ha accettato di andare a disputare l’incontro a Fondi.

In un campionato dilettantistico, dove ogni persona fa lo sport con grandi sacrifici personali e solo per passione, è doveroso comprendere le esigenze di ognuno ma alle nostre esigenze nessuno viene incontro mai.

“Isolani se volete giocare dovete stare zitti e partire, solo le condizioni meteo marine avverse possono impedirvi di partire e non importa se restate a Formia (perché la nave può non ripartire per l’isola), non importa se ogni trasferta dura 14 ore – dalla mattina alle 6,30 alla sera alle 20,30 – per disputare un incontro di calcio di 60 minuti”.
Le squadre isolane non vengono ben viste in federazione, è troppo faticoso per gli arbitri e le squadre avversarie prendere la nave e infatti i nostri dirigenti dopo aver pagato quattrini per essersi iscritti al campionato, hanno dovuto preoccuparsi di esporre – comunicando a tutte le società avversarie – la necessità di giocare gli incontri di calcio di domenica mattina.  Di domenica mattina giocano tutti i più importanti campionati, per noi giocare la domenica mattina rimane una gentile concessione delle squadre avversarie e della federazione!

E infatti in continente le partite di calcio a cinque si giocano il sabato e qualche volte anche il venerdì quindi i ‘signori dilettanti’ del continente già ci fanno un favore consentendoci di giocare di domenica per cui ogni richiesta che ci inoltrano, noi siamo costretti ad accettarla perché possono minacciare di non voler giocare la domenica ma per esempio il sabato sera.
Abbiamo iniziato il campionato che il campo di Le Forna era indisponibile per cui la prima partita in casa l’abbiamo svolta a Formia e solo una forte mareggiata ci ha dato una mano e ci ha impedito di effettuare anche  la seconda partita casalinga a Formia. Noi potevamo chiedere di andare a giocare la gara di andata nel campo avversario? No: a detta del nostro Mister, le prime tre gare non potevano essere invertite, per cui “zitti e partite”.

La partita con il Fondi è stata disputata in un impianto sportivo di altissimo livello, c’erano le tribune con le poltroncine tutte vuote, il sottopassaggio e ottimi spogliatoi. Abbiamo disputato oltre ai due tempi anche il terzo tempo che ha visto le due squadre abbracciate anche all’arbitro farsi immortalare con un grande sorriso.

La pratica con il Fondi è stata archiviata, il Fondi ha preso i tre punti per cui andiamo avanti con la speranza che prima o dopo qualcosa girerà nel giusto verso e qualche vittoria riporterà un briciolo di felicità per questi eroici ragazzi sempre con il bagaglio pronto per partire.

La partita col Fondi.2

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.