Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-25-bis l-05 5 corrida6 sl372211 Immagini storiche di Ponza

Calcio Ponza. XII Giornata di Campionato

Condividi questo articolo

a cura di Giovanni Califano
1.Calcio Ponza. Pallone acqua

 

CAMPIONATO DI II^ CATEGORIA 2015-2016, GIRONE M
12^ giornata
 – Campo Sportivo Pirae, Scauri
ASD MARINA MARANOLA – POLISPORTIVA DIL. PONZA: 2-2

Il Ponza scende in campo al Pirae di Scauri per l’ultimo impegno dell’anno solare ospite del Marina Minturno di mister Casale, cui manca il successo da quattro settimane.
De Santis e i suoi, invece, sono in striscia positiva proprio da quattro turni e puntano a chiudere il 2015 conquistando altri punti utili alla risalita in classifica.
I gialloverdi si presentano a Scauri senza G. Vitiello e senza gli squalificati Aversano e Scotti, ma possono vantare i rientri di Vecchione e D. Rispoli.
Pochi dubbi di formazione per il tecnico dunque e formazione confermata per dieci undicesimi rispetto al match poi rinviato di giovedì scorso: Califano tra i pali (con il rientrante Fariello che si accomoda in panchina); linea difensiva composta da Vecchione, Repele, Marciano ed A. Vitiello; in mediana R. Napolitano e Carofano, con Pappa e Ra. Vitiello a presidiare le corsie laterali; Ro. Vitiello-Migliaccio tandem offensivo per cercare di scardinare la rocciosa retroguardia scuarese.

Numerosa la tifoseria ponzese in tribuna e spalti gremiti in riva al mare, giornata praticamente estiva, con 23°C.
L’arbitro è il signor Di Serio di Latina ed il primo giro al pallone è per i padroni di casa, in divisa biancoceleste.

Il piglio iniziale del Ponza è ottimo; squadra corta ed aggressiva, desiderosa di giocare al calcio. Nonostante il campo molto stretto, gli uomini di De Santis cercano con insistenza le fasce laterali, dove Lombardi soprattutto fa una gran fatica a fermare il duo Pappa-Vecchione.
Già al 3° ci prova capitan Migliaccio con una punizione dai 20 metri, ma il suo destro non trova il bersaglio grosso per poco.
Un minuto più tardi cross di Vecchione per Ro. Vitiello, ma al suo colpo di testa manca la forza necessaria ed il pallone termina comodamente tra le braccia di Romano.
Il Marina dopo un avvio in apnea tenta di organizzare una reazione, ma il Ponza arriva sempre prima sulle seconde palle e con lucidità impressionante sa sempre come districarsi.
Come al 10°, quando su una palla rinviata alla buona da Ra. Vitiello, Migliaccio come un condor si fionda sulla corsia laterale, salta un uomo in velocità e crossa; il suo pallone attraversa tutta l’area di rigore trovando Pappa solissimo all’altezza del vertice dell’area piccola, ma il destro del terzino minturnese non trova l’angolino più lontano per una manciata di centimetri. Clamorosa occasione per il Ponza.
Ancora più clamorosa, però, è la doppia opportunità che capita sui piedi di Migliaccio appena sessanta secondi più tardi: solo davanti al portiere, il capitano si lascia ipnotizzare non una ma ben due volte, e tutto quel che il Ponza ottiene è un misero calcio d’angolo.
Sensazionale doppio intervento di Romano, la prima volta su un destro dall’altezza del dischetto, la seconda praticamente da zero metri.
Capita l’antifona, il Marina si copre, arroccandosi nella propria metà campo e tentando raramente qualche sortita offensiva.
La partita perde di ritmo ed è più equilibrata.
Al 33° ci prova Ro. Vitiello con un destro da distanza siderale, Romano a fatica riesce a spingere il pallone lateralmente e Pappa non riesce nel tap-in.
Al 40° primo tiro in porta per i padroni di casa con Mallozzi che ci prova su calcio piazzato dai 35 metri e palo clamoroso a portiere battuto. Destro terrificante del numero 11 scaurese, Califano si protende con i suoi 197 cm, ma sarebbe stato battuto; solo il palo salva il Ponza.
E’ l’ultimo sussulto di un primo tempo nel quale l’undici isolano ha giocato davvero molto bene, mancando di concretezza in fase di conclusione, una pecca che si porta avanti di fatto da inizio stagione.

La ripresa comincia con un’occasione per parte: al 46° è Ra. Vitiello con una conclusione volante sugli sviluppi di calcio d’angolo a tentare l’eurogol, sparando altissimo, poi al 49° è Trocchia a scaldare i guantoni di Califano con un tiro dai 16 metri.
Al 53° ancora grande opportunità per Migliaccio che, lanciato in profondità da Ro. Vitiello, calcia ad incrociare trovando la manona di Romano, per distacco il migliore dei suoi.
Due minuti più tardi il primo ed unico errore del direttore di gara per poco non costa caro al Ponza, con Esposito che in palese fuorigioco si ritrova a tu per tu col portiere, tirando malamente e scheggiando il palo.
Capovolgimento di fronte e pallonetto di Ro. Vitiello da posizione vantaggiosa alto non di molto.
Fioccano le occasioni da rete, ma paradossalmente è una fase di stanca del match, con le due squadre che si annullano in mezzo al campo.
Girandola di cambi con Orlando e D. Rispoli che fanno il loro ingresso in campo in luogo di Ra. Vitiello e Pappa, mentre Casale richiama in panchina Attardo e Trocchia, affidando le proprie speranze di successo a Lungo e Tudino.

Al 77° Ponza in vantaggio: rimessa laterale di Vecchione che pesca Ro. Vitiello in area di rigore, spizzata del biondino per l’accorrente Orlando che calcia in maniera sporca e trova la deviazione sfortunata di Castaldo che beffa Romano. Il gol può venire tranquillamente attribuito a Michele Orlando; per il centrocampista di Casavatore è il secondo centro in campionato.
Ma neppure il tempo di rimettere il pallone al centro, che proprio Orlando commette fallo in area su Conte, obbligando Di Serio ad indicare il dischetto.
Dagli undici metri si presenta Mallozzi: Califano tocca ma non riesce ad evitare il pari. 1-1, tutto in sessanta secondi, pazzesco!

De Santis lancia un messaggio ai suoi spedendo in campo F. Napolitano all’80°: l’obiettivo è vincere.
Non è affatto d’accordo Esposito che entra in area, salta un paio di uomini e lascia partire un tiro non irresistibile che però gonfia la rete e porta in vantaggio il Marina all’82°.
Il Ponza in appena cinque minuti è passato da lepre a cacciatore, ed il cronometro gli è nemico.
 Minuto 85: Carofano, ancora tra i migliori, recupera un pallone sulla sua tre quarti, avanza a testa alta, scarica su F. Napolitano che vede l’inserimento di D. Rispoli; il neo entrato si aggiusta il pallone, prende la mira e tira, non inquadrando l’angolino per un soffio.
Al tramonto del match arriva il giusto premio per il Ponza. Minuto 89°, lancio di Carofano per F. Napolitano, il portiere esce dai pali e nel tentativo di prendere il pallone affossa l’attaccante ponzese. Rigore solare che Di Serio non può non fischiare.
Sul dischetto si presenta Carofano: una finta e Romano è inchiodato sulla linea di porta, col pallone che si infila alla sua sinistra.
E’ il gol del 2-2, e come per Orlando si tratta del secondo centro in campionato per Pawel Carofano, entrambi su calcio di rigore per il centrocampista formiano.

Per il direttore di gara può bastare così, game over al Pirae: Marina Maranola e Ponza si dividono la posta con un pirotecnico 2-2.

Il Ponza non è una squadra per deboli di cuore: quarta partita consecutiva decisa in zona Cesarini per l’undici di De Santis. La classifica continua a muoversi, con il quinto risultato utile consecutivo e il secondo pareggio consecutivo lontano dal Cala Caparra.

Gli isolani hanno due grossi difetti: il rapporto tiri effettuati/reti realizzate ancora troppo basso e l’incapacità nel mantenere il vantaggio.
A fronte di un attacco tra i migliori della categoria e di sicuro affidamento, continua il periodo di difficoltà in fase difensiva: in nove partite sulle dieci disputate il Ponza ha subito almeno un gol. Eppure il Marina Maranola non ha creato grossi pericoli a Califano, trafitto dall’ormai solito calcio piazzato e da un tiro beffardo.

La sosta per le festività natalizie permetterà ai ragazzi di De Santis di lavorare proprio su questi difetti e di tornare nel 2016 con maggior qualità e voglia di vincere.
La ripresa del campionato prevede un match sulla carta estremamente impegnativo: al Cala Caparra arriva l’Atletico Cervaro, leader imbattuto del girone M.

Al Ponza servirà una vera e propria impresa.

 

Tabellino incontro
ASD MARINA MARANOLA: Romano, Lombardi ©, Colombo, Thiam Ahmadou, Castaldo, Attardo (Lungo), Esposito, Conte, Trocchia (Tudino), Falso, Mallozzi.
A disp.: Fusco, Di Marco, D’Adamo, Pingue, Di Tucci.
All. Casale.

POLISPORTIVA DIL. PONZA: Califano, Vecchione, A. Vitiello, Repele, Pappa (dal 74° D. Rispoli), Marciano, Migliaccio ©, R. Napolitano, Ro. Vitiello (dall’80° F. Napolitano), Carofano, Ra. Vitiello (dal 55° Orlando).
A disp.: Fariello, G. Tescione, F. Tescione, S. Vitiello.
All. De Santis.
Arbitro: Signor Di Serio della sezione di Latina
Marcatori: 77° Orlando (P), 78° Mallozzi (rigore)(M), 82° Esposito (M), 90° Carofano (rigore)(P).


I risultati della 12^ giornata

Briganti – Mistral ASD 0-1
Marina Maranola – Polisportiva Dil. Ponza 2-2
Nuova San Bartolomeo – SS San Lorenzo 3-1
Pro Calcio San Giorgio – AS Penitro 0-1
Real Maranola 3000 – Esperia 3-2
Real Piedimonte SG – Castrocielo 0-2
San Giovanni Incarico – Atl. Cervaro 1-4
Spinium FC – Vis Ceprano 1-0

Condividi questo articolo

1 commento per Calcio Ponza. XII Giornata di Campionato

  • Biagio Rispoli

    Buongiorno e buone feste fatte alla Redazione, ai Lettori di Ponzaracconta e in particolare a quelli che seguono il calcio.
    Purtroppo le avverse condizioni meteo marine non ci hanno permesso di disputare la gara di campionato del 3 gennaio 2016, ora speriamo di giocare quella del 10 gennaio a Ponza, in attesa delle date dei recuperi,
    Ci aggiorniamo a domenica prossima.
    Cordiali saluti
    Biagio Rispoli

Devi essere collegato per poter inserire un commento.