Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c-01 l-03 foto-04 isi-03 l-11 corrida11

Auguri con una poesia italo-ponzese

Condividi questo articolo

di Anna Mazzella Marciano
Uscita dal Tunnel

 

Riceviamo in Redazione e con piacere e sorpresa pubblichiamo – ringraziando per gli Auguri – questo esperimento poetico finora inedito di Anna che si esprime con dei versi nati in italiano e successivamente “tradotti” in dialetto…

 

Tantissimi cari Auguri a tutto lo staff di Ponzaracconta per un sereno e felice Natale.
A tutti i ponzesi, Buone Feste!
Anna Mazzella (‘a  punzes’ ‘e Formia) & Giuseppe Marciano, unitamente a Mariagrazia, Sabrina e Loredana Marciano e alle loro famiglie.

Flora di giugno

.

La mia isola

 

La mia isola
dal mare è abbracciata
il cielo blu la copre
come un telo trasparente
di umori caldi del sole
che l’illumina.

Volano i gabbiani
preghiere alate
a guardia degli scogli
su e giù
per vicoli e stradine
un buon odore
di lentisco e salmastro .

Una musica
pervade le strade
s’allunga per sentieri
è il mare che canta
solo per noi
questa magia
che si chiama Ponza.

Quando in viaggio
scompari all’orizzonte
il mare ci culla
e noi di te
portiamo nel cuore
un grande amore.

Ponza. Vicoli

.

L’isola mia 

L’isola mia
l’abbraccia ’u mare
’u cielo blu ’a cummoglie
comm’e ’nu velo
’i luce e calore
 

Vòlene ’i rroie
preghiere cu’i scelle,
attuòrne i scoglie
’ncoppe e abbascie
pe’ vicule e viarelle,
n’andòre bbuone
’i lentischie e ’i salimma

’Na museca
se spanne p’i viche…
È ’u mare che canta
sule pe’ nuie,
chesta maggìa
ca se chiamma Ponza 

Quanne, partenne
tu scure all’orizzonte
’u mare ce cunnuléa
e nuie ’i te
purtamme ’ndu core
n’ammore senza fine

.

Ponza. Aerial view.2

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.