Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0043-043 u-09 a-03 v7-20 l-08 7

La guerra è guerra

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
1. Venerdì pesce

 

Giggino – Caro prufessore mio, ce vo’ pacienza ’ncopp’a ’stu scoglio abbandunate…
Sang’ ’i Retunne – Altroché se ce ne vuole, con certi soggetti che circolano… Tu non ne sai niente vero?

Gg – Iooo?? Ma è mai possibile che qua ogni cosa che faccio non va mai bene a nessuno? E mo’ m’avite propetamente scassat’u cazze!
SR – E Madonna mia comme stai nervuso! Che t’è venute stammatina?

Gg – Vaghe a cerca’ cunfuòrte e trove sule scarruòpe: invece ’i aiutarme, te mitte a fa’ ’u prufessore.
SR – Hai ragione, questa volta ho sbagliato io. Scusami.

Gg – Azz..! Uvvi’ ca nun si’ punzese? Addirittura ammetti di aver sbagliato e mi chiedi pure scusa. Si’ propiete ’nu bastardo frastiere-punzese.
SR – Dimmi la verità, ti sei appiccicato n’ata vota cu’ Assuntina. Mi ha detto che non vuoi più tornare a casa. Che è successo?

Gg – Essì! Ogni limite ha il suo colmo!
SR – Si dice al contrario, ma comunque… Questa volta che è stato?

Gg – E che è stato? Penza che dormo ’a ’na semmana abbasci’u magazzino.
SR –  Ah! …’u fatto è serio, allora.

Gg – Mo’, tu diceme a mme… Uno cca… a’ vernata, che tène ’a fa’?
SR – E non lo so, dimmelo tu.

Gg – Uno s’aizz’ i cinche e mezz’ per iniziare bene la giornata, ma poi va a furni’ sempe malamente.
SR – E addo’ cazz’ vaie a chell’ora ’i notte?

Gg – Uggiesù! ’U barr! …p’u cafè-sportivo-caccia&pesca!
SR – Aheeee! E po’?

Gg – E po’, dopo cinque o sei grappini pe’ carburà ’u stommeche e ’nu par’i ‘ppicceche ch’i strunz’ ’i turno, t’ha vuo’ fa’ ’na cammenata a guarda’ ’u vuzze?
SR – E certamente..! E po’?

Gg – E po’… t’ha vuo’ fa’ n’ata cammenata pe’ ghi’ a guarda’ i cunigli d’a stronza?
SR – E chi sarebbe?

Gg – Assuntina! …e chi sinnò?
SR – Ah! E po’?

Gg – E po’ te faie n’atu bellu cafè e t’arretìre stanco doppe ’na iurnata ’i chesta. E uno chi se trova ’annanze?
SR – Chi si trova?

Gg – Se trov’ a Fata bionda.
SR – E mo chi fosse ’sta Fata?

Gg – Comme chi fosse? È ’a romea! Tène cierti pettorali ’a fa arresuscita’ i muorte.
SR – O mamma mia! E allora?

Gg – E allora!? …quanne ce vo’ ce vo’! E là ce vuleve!
SR – E po’?

Gg – E po’ saglienne saglienne nun trov’a mamma d’a Fata..? Teng’ ’u suspett’ ca chelli ddoie se passan’a voce…
SR – Giggi’, ma ’a mamma téne sittant’anni, che te mitte a fa?

Gg – Sittant’anne!? Ma chella tène ’na sova! È peggie d’a figlia! …E po’ prufesso’, a ’uerra è ’uerra e ccà ’a vernata è longa, ogni pertuso è puòrt’. È chiaro?
SR – Azz! La situazione è peggio di come pensassi. E po’?

Gg – E po’ ’nu povero cristo arriv’a casa sterdute  e muort’i famme e trov’ ’a mugliera c’a sciarpa che l’aspetta.
SR – Ch’a sciarpa? Tiene friddo? ’A stufa è rotta?

Gg – Ma no, tutt’annuta, ma c’a sciarpa: chelle soffre ’i tunzillite.
SR – Tutta nuda? E perché?

Gg – E pecché… pecché pure Assuntina vo’ ’a parta soia. Fa ’a provocazzione sessuale, ma se cummoglie ’nganne.
SR –  Oh mamma mia!

Gg – Mò, dimmi tu, ’nu cristiano che se soss’a mmatina ’i notte e che fa ’na vita sbattuta ’i chesta manera, comm’hadda fa?
SR – Essì, comm’hadda fa? Tu ch’he fatto?

Gg – Aeeeh! Nun ce so’ riuscito, ecco! …Aggie fatte fetecchia!
SR – Azz! E Assuntina come l’ha presa?

Gg – E come l’ha presa? Male. M’ha ditto: “Nun si’ buone cchiù… Nun si’ buone chiù a niente! …mittete scuorne”! A ’nu toro cumm’a me… Nun s’i bbuooone?
SR – Apriti cielo!

Gg – Comm’aggie fatt’ sul’a mossa ’i ce chiava’ ’nu pacchere, è partuto Cazzillo e m’ha muzzecata ’na coscia.
SR – Cazzillo… ’u canillo ’i Assuntina?

Gg – Esattamente. A chillu mumento è asciut’a sott’u liett’ comm’e ’nu fulmine Blek ch’ha fatto unu muorz’ ’i Cazzillo e s’ha ’ngnuttute. Chissà ’a quantu tiempo ’a povera bestia aspettava ’u mument’ buono pe’ s’u mangia’. È stato ’nu cane paziente, come il patrone…
SR – Una guerra totale, un finimondo!

Gg – Da quel giorno Assuntina m’ha mise a durmi’ abbasci’u magazzino ’nzieme a Blek.
SR – E lo so. Ma adesso ti ha perdonato, perché non vuoi tornare?

Gg – Ma che ddice? Abbasci’u magazzino stongh’ ’ngraz’i Dio… Blek è cuntent’ ’i durmi’ ’nzieme a mme, me veghe dùdece partite ’u iuorno, me fumme pure i ddete e stong’  bell’ caude caude. E po’ devi sapere che finalmente ho trovato addo’ ’u gnore mie tenéve annascuost’u vvine d’i faragliune. Mo’ affinacchè nunn’affurnesce ’u buttiglione e chi s’arretire a’ casa? ’Prufesso’, ’a ’uerra è ’uerra!

Tamiggiana e buttiglione

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.