Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0042-042 i-05 v4-6a 111 33 corrida17

Non solo calcio a 5. A essere giovani si impara da vecchi

Condividi questo articolo

di Vincenzo Ambrosino
Calcio a 5. Immagine

 

Non so chi ha detto: Gli uomini non sono saggi in proporzione tanto all’esperienze fatte
quanto alla loro capacità di averle comprese”.

 

Biagio non ha età, lo vedo sempre più pimpante, più in forma, ancora pronto a scendere in campo. Vedo intorno a lui giovani rinunciare e lui continua e vola alto.
Vent’anni fa faceva già il Presidente, complimenti. Ho fatto un po’ di retromarcia mentale e sono arrivato al 1995, c’era al potere l’Amministrazione Balzano I°, e il Nostro da presidente rilanciava la Polisportiva, poi è passato il Balzano II°, il Balzano III°, il Porzio I°, e II° e il Vigorelli I° e oggi l’ho ritrovo fotografato al mitico ‘Gianni Rivera’ e dalle piccole mani di Tavecchio prendere un premio: “Complimenti Biagio hai una grande esperienza da mettere al servizio di una nuova visione sportiva per l’isola di Ponza”.

A proposito di Tavecchio: visto che i dirigenti della Polisportiva lo conoscono di persona: “E’ richiesto un intervento del Presidentissimo del calcio italiano, perché le squadre dell’isola assolutamente non vengono rispettate, gli arbitri si divertono a ignorare tutte le regole pur di rendere ancora più difficile il loro cammino sportivo”.

Che è successo questa settimana?

E’ arrivato il Don Francesco il catamarano per provare le pedane. La cosa non è andata bene, non è possibile fare sbarchi in sicurezza con quella siffatta struttura ma sicuramente gli ‘attivisti’ della Laziomar ci riproveranno. Modificheranno le pedane, modificheranno opinioni tecniche ma chissà, forse non ci riusciranno.
Sulla banchina c’erano tanti ponzesi curiosi e tutti si chiedevano: “Ma come si fa a spostare e sistemare queste pedane in agosto che è tutta una ZTL; ma quanti militari di guardia ci vogliono per sorvegliare, per isolare la zona di manovra? In quella zona oltre le manovre per l’imbarco e lo sbarco della Laziomar, c’è il problema dell’approvvigionamento della benzina, l’imbarco per la linea di Frontone e le navi da crociera…”.
Io vorrei solo ricordare ai protagonisti di questa vicenda: “Amici fatevi consigliare dagli esperti ma nel decidere, simulate la realtà d’agosto prima di sommare caos a caos!”
Qualcuno è arrivato a dire, forse ispirato da Diabolik, che si potrebbero fare queste pedane “a scomparsa”, cioè quando servono – dieci minuti prima dell’attracco – si apre una botola nella banchina e compaiono queste pedane e appena riparte il catamarano subito le pedane scompaiono sotto la botola (!)”.

Questa settimana che abbiamo trascorso sull’isola è stata breve, gli allenamenti sono stati divertenti. Venerdì, in occasione della festa di Santa Barbara, patrona delle forze armate, abbiamo disputato un incontro di calcio a 5 con i militari del Circomare Ponza. E’ stata una partitella allegra e molto rilassante e alla fine c’è stato uno scambio di gagliardetti per ricordare la serata.

Dopo aver lasciato sei tramonti alle spalle i nostri ragazzi domenica si sono recati a Formia per disputare l’incontro di calcio a 5 contro U.S. Formia 1905.
Ora se io vi dico che abbiamo perso voi penserete che non è una novità, ma la novità e che abbiamo perso 4 a 2 contro una buona squadra e che i nostri avversari alla fine ci hanno fatto i complimenti.
La media dell’ età dei nostri giocatori era di 22 anni, quella dei nostri avversari era di 30.
La differenza tra le squadre è stata di 10 anni di partite e di campionati disputati che hanno costituito quell’esperienza che ha dato la possibilità ai nostri avversari di vincere l’incontro.

Noi corriamo moltissimo, pressiamo i nostri avversari nella loro metà campo, ma commettiamo errori nel tiro e a volte nel passaggio che i nostri avversari sfruttano implacabilmente.

Abbiamo scoperto che per noi è difficile segnare!

Il nostro centravanti suda sette divise prima di assaporare la gioia del goal. Il centravanti è affamato di goal e di abbracci dei suoi compagni. Ho notato che anche i laterali che corrono più della palla quando tirano in porta trovano come fedele amico il palo o la traversa della porta avversaria, ma mai quella rete maledetta.

Ma pian piano muterà il destino avverso e la corsa diverrà una danza e i passaggi saranno sincronizzati e gli avversari saranno come birilli e il portiere trasparente e agli occhi dei nostri ragazzi si parerà avanti solo una immensa rete a strascico che succhierà come un aspirapolvere i nostri tiri e si riempirà di palloni e la pesca sarà buona come quella dei nostri pescatori qualche anno fa.

Questi ragazzi sono giovani, sono belli, non vi dico che cosa si vede negli spogliatoi perché non sono Pasolini, ma questa virilità diverrà fra qualche anno forza vitale al servizio dell’isola e non solo nel tirare calci ad un pallone ma anche per onorare le loro famiglie e tenere in vita l’orgoglio di essere nati diversi perché isolani.

Domani martedì, il giorno dell’Immacolata, il giorno in cui i giovani cantano alla Madonna, alle 12,00, il Fornamare giocherà una partita di campionato nella tensostruttura di Le Forna. Io spero che tanti  ponzesi verranno a sostenere questi impavidi ragazzi di Ponza per tentare di compiere un’impresa e battere una squadra che è 10 volte più forte: ma siamo fiduciosi perché ricordiamo la storia di Davide e Golia e la nostra fionda sarà sicuramente il tifo caldo e caloroso dei ponzesi.

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.