Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-33 ipc l-06_0 30-07-2005-19-32-10_0004 sdb 15

Stàteve ’i case voste!

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Stàteve i case voste

 

Sang’ ’i Retunne – Assunti’, veghe a Giggino sempe peggio, ci’allave cu’ tuttu quante. Che succede?
Assuntina – Tu sai cumm’è fatto: quando se mette ’na cosa ’ngapa e chi ci’a leve cchiù. È ’na parola.

SR – E mò che s’è mise ’ngapa?
AS – S’i mò t’u ddiche, s’a piglia pure cu’ miche e po’ m’attocca a ce scippa’ ’a  faccia.

SR – Ma no dai, io non glielo dico che tu me l’hai detto. Nun te sbruvogne.
AS – Allora… è cunvinto ca chi nun è residente cca, nun tène diritto ’i critica’ Po’ nun ne parlàmm’ ’i chi è punzese e sta fore: ’i tène comme nemici, comme capicaze.

SR – Assunti’ se dice kamikaze.
AS – No no, propie ‘cap’i caze’. Dice che pure tu si’ un’i lloro: ’nu bastardo cap’i caze metà punzese, metà frastiero, metà furnese, metà puorte-punzese, metà santamariuolo…

SR – Aeee mamma miaa! E quanti metà avessa tené’?
AS – Quant’abbàstene per esse strunze… Accussì dice iss’.

SR – Dice iss’, eh!?. E tu che dici?
AS – E io che dico? Che sta’ vota tène raggione iss’. Quanne iate a’ vi’e fore e po’ turnate cca, facìte i prefessure… Nun ve sta cchiù bbuone niente ’i chell’ ca facimme e ca dicimme nuie. Ca po’ song’ i stessi cose che facìveve e decìveve ’na vota vuie. Bella chiaveca! E mò statte buone: teng’ a cche’ffa’!

(Qualche ora dopo)

SR – Giggi’ m’ha ’itt’ accussì Assuntina che tu ci’allaie cu’ mme.
Giggino – Ogni tanto pur’essa dice coc’cosa ’i bbuono. E scummette che t’ha ditte pure ’i nun mm’u dice, è vero?

SR – Esatto. Mò però dimmi tu perché. Cosa avrei fatto di male?
Gg – Dico io, quando uno addeventa frastiero-punzese annanz’a ’nu punzese-frastiere s’hadda sta’ sule zitto.

SR – E adesso è uscita una nuova categoria? Chi sarebbe ’nu punzese-frastiero?
Gg – Uno che è nato a part’i fore e mò sta ccà.

SR – A sì? E cosa avrebbe più di me?
Gg – Prova a ghitta’ ’u sangue cu’nnuie e po’ ne parlamme.

SR – Ma famm’o piacere cammi’..! Come lo butteresti questo sangue tu? Famm’accapi’! A me non mi pare proprio: staie sempre barre barre senza fa’ niente.
Gg – E’ vero! Io iett’u sang’ pe’ penza’ a c’aggia fa’ per nun me romp’u cazz a nun fa’ niente.

SR – Bell’arrobba. Miettete scuorne!
Gg – M’aggia mette scuorno pecché ccà nun ce sta nient’a fa’?

SR – Non c’è da fare niente perché manca la voglia di fare qualcosa.
Gg – Ma quanne mai? Se ce mettimme sule a penza’ ’i fa’ co’ccosa, vuie frastieri-punzise ce scassate ’u cazze ca nun ve sta bbuone niente. A senti’ a vvuie nun stanne bbone manch’i prète ammiezz’a via: e chist’è ’u vapore; e chest’è ’a munnezza; e chest’è all’acqua; e chest’è ’a scola; e chest’è ’a fogna; e chest’è ’a tassa; e chest’è ’a marina; e chist’è ’u diébbeto pubblico; e chist’è ’u cess’; e chisto songh’i muor… E mo’ baste!! E che cazze, state a ’uarda’ semp’a nuie?

SR – Se ho capito bene, voi ponzesi residenti certificati vi limitate a pensarli i problemi non a risolverli?
Gg – Ma ’uard’a chisto! E che spett’a nuie? Avimme pure risolve i probblemi nuosti? ’Uaglio’ ma che ttieni ’ngapa, ’a pampuglia? Cca stamm’a Ponza.

SR –  Uvvi’? Tutto torna. Siccome la vostra cafonaggine acuta non vi consente di vedere oltre ’u nase vuost’ fraffecuse, avete bisogno proprio di noi frastieri-ponzesi per civilizzarvi e risolvere i vostri problemi.
Gg – ’Uagliò, facimme ’na bella cosa, sient’a mme: primm’i parla’, faciteve ’na bella zappata d’a ’Uardia e d’u Schiavone, vabbuo’? Pe’ tramente ca v’organizzate ch’i zzappe e ch’i brediénte nun ci’abbuffate ’a ’uallera ch’i strunzate ’i scienza: stàteve ’i case voste ’i Roma, Formia, Latrina, Gaeta, Napule e Centocelle… ch’è meglio pe’ tuttu quante. È chiaro?

1. Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.