Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v2-22 v4-9a f-04 68b la-famiglia-vitiello-seduta-su-gli-scogli-giuditta-luca-maria-monica sl372208

Il centro diurno “Il Veliero”. Replica del Comitato Rinascita per Ponza alla consigliera Maria Sandolo

Condividi questo articolo

a cura della Redazione

Il centro diurno Il  Veliero di Ponza.

Alla richiesta di chiarimenti da parte del Comitato Rinascita per Ponza in merito alla recente notizia della mancata assegnazione dei contributi al Centro sociale “Il Veliero” – leggi qui, dal quotidiano on-line h24 notizie del 28/11/2015: Finanziamenti persi al centro diurno Il Veliero, lettera di Rinascita per Ponza – aveva fatto seguito ieri la risposta della consigliera Maria Sandolo affidata allo stesso quotidiano on-lineCentro diurno Il Veliero di Ponza, il consigliere Sandolo: “Nulla è perduto”
Ritenendo insufficiente tale risposta, o quanto meno non esaustiva su alcuni punti, il Comitato replica con una richiesta di ulteriori chiarimenti  indirizzata alla stessa consigliera ed inviata a noi per la pubblicazione.

***

La consigliera ha perso una buona occasione per parlare di assistenza socio-sanitaria

Purtroppo la consigliera delegata Sandolo Maria ha perso una buona occasione di parlare del problema dell’assistenza socio-sanitaria a Ponza non rispondendo alle nostre domande che erano ben precise e motivate.

Cerchiamo di riproporle:

Sul giornale abbiano letto che Ventotene “incassa i finanziamenti e Ponza no”. A seguito di questa notizia abbiamo chiesto al delegato di rispondere del perché è avvenuto questo e invece ci viene risposto che “comunque i denari non sono stati persi e si recupereranno”. Ma del perché non sono stati incassati non c’è risposta.

Ma poi abbiamo chiesto: quali sono i progetti che sono stati attivati, per quale utenza, in base a quali analisi socio-sanitarie, con quali professionisti, con quali consulenze sanitarie.

A queste domande la consigliera ci dice che questa amministrazione è riuscita ad aprire il nuovo Centro Diurno a Le Forna e allora? Noi le ricordiamo che Ponza è piena di strutture che possono servire per questi ed altri scopi sociali per cui quello che è importante non è la struttura, ma i progetti e l’efficacia di questi per una vera assistenza ai più deboli e disagiati della nostra isola.

A questo punto,  poiché  lei non risponde alle domande,  diciamo che il progetto che si sviluppa nel Centro Diurno deve diventare più trasparente e molto più incisivo.

Le chiediamo:

  • Chi gestisce il Centro Diurno?
  • Da chi è frequentato?
  • Chi vi lavora? Un’équipe multidisciplinare? Vengono coinvolti medici, psicologi, educatori professionali, infermieri professionali e operatori socio-sanitari?
  • I frequentatori, i pazienti in che modo vengono assimilati ai progetti?
  • I pazienti hanno una scheda che descrive la situazione clinica e socio-relazionale di partenza?
  • Abbiamo sentito parlare di nuove assunzioni. Se questa notizia è vera,  visto che ci sono alcuni ponzesi interessati (con Attestato OSS), vorremmo sapere con quali logiche e per quali competenze verranno fatte le nuove assunzioni.

Cara Consigliera, Lei non deve far passare per proprie le iniziative come il banco alimentare. Questa è l’ iniziativa di maggior rilievo che la Fondazione Banco Alimentare ha deciso di intraprendere ogni anno su tutto il territorio nazionale; è indubbiamente la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, organizzata insieme alla Federazione dell’Impresa Sociale Compagnia delle Opere.

Cara Consigliera, Lei non ci deve adesso rispondere con un elenco di attività, per rivendicare un miglioramento nei confronti del passato. Lei adesso ci dovrebbe rispondere, se vuole, relazionando su tutte le attività sviluppate dal Centro Diurno, per quali finalità e con quale personale.

C’è gente a Ponza che prende un pasto caldo assistita dalla Caritas diocesana, c’è gente a Ponza che gira per l’isola a rovistare tra l’immondizia per cercare oggetti da vendere, c’è gente a Ponza che vaga sperduta per l’isola in cerca di qualcuno che l’assista dal punto di vista psicologico, ci sono anziani che hanno bisogno di assistenza, ci sono ragazzi che hanno bisogno di attenzioni  e Lei, cara Consigliera, che fa?
Prima dimentica di rendicontare le attività svolte dal centro e poi rivendica il grande mutamento con il passato? Noi speriamo solo di non perdere ulteriori risorse per un servizio socio-sanitario che riteniamo da migliorare, renderlo più efficace e adesso lo chiediamo anche più trasparente.

Il Comitato Rinascita per Ponza

gli interrogativi

Condividi questo articolo

3 commenti per Il centro diurno “Il Veliero”. Replica del Comitato Rinascita per Ponza alla consigliera Maria Sandolo

  • Sandro Russo

    Dell’articolo da 24h notizie “attribuito” alla consigliera Maria Sandolo, soprattutto la chiusa mi ha colpito:

    “ (…) Ci rendiamo conto che questi risultati fanno rosicare d’invidia quelli della pappatoia del passato infausto. Ma per loro fortuna adesso a Ponza c’è anche la psicoterapeuta. E la terapia è gratuita”.

    …Eppure questa voce l’ho già sentita… – mi sono detto.
    Uno scrittore, un buon giornalista si riconosce da poche parole, da una firma non scritta che appone ai suoi scritti.

    Da buon wikipedia-dipendente ho provato ad appaiare la frase (ma anche tutto l’articolo) a questa definizione dalla popolare enciclopedia on-line: corrisponde perfettamente!
    “Il ventriloquo è una persona in grado di emettere una o più voci senza muovere i muscoli facciali, illudendo lo spettatore che la voce sia emessa da qualcos’altro, ad esempio … … ” [https://it.wikipedia.org/wiki/Ventriloquo]

    Ad esempio … …?

    • sciarra monia

      La consigliera Maria Sandolo non dovrebbe scrivere di cose che conosce poco. Continua a ripetere che prima d’ora a Ponza non si conoscevano i Servizi Sociali.
      Allora il centro Il Faro, l’assistente sociale, la psicologa, la fisioterapia, le attività svolte in un locale sito nel ‘Museo’, ce le siamo sognate???
      Come anche tutti sanno a Ponza che la struttura dove solo nel 2015 è stato inaugurato il Centro Diurno fu realizzata dalla passata amministrazione e completata nel 2011 e non nel 2009, per avere finalmente una Farmacia e una Banca che a Le Forna ancora mancano.
      Quindi, come si evince, NULLA che abbia un nesso con “pappatoie” e similari.
      Ciò che mi dispiace è che si continua a fare propaganda con cadute di stile!

  • Silverio Tomeo

    Oramai l’aggressività verbale, la sicumera esibita, lo humor acido della Giunta Vigorelli, dovreste conoscerla bene! Nulla di cui meravigliarsi, soltanto che sono ancora lì, spero per poco ancora….

Devi essere collegato per poter inserire un commento.