- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

La poltrona del dialetto. (2). ’A dint’ u scoglio “russo”

di Francesco De Luca
Scoglio rosso.1 [1]

 

Si poltrisca ora che l’autunno ci impigrisce con le piogge sonnolenti. Forse una poesia può dare alla sonnolenza un brivido d’emozione.
Per i pigri la versione recitata.
FDL

 

http://www.ponzaracconta.it/wp-content/uploads/2015/11/A-dint-u-scoglio-russo.mp3 [2]

.

’A dint’ u scoglio “russo”

.

’A dint’ u scoglio “russo”
’a vita è sempe ’a stessa
’A ggente sta l’uno contro ll’ate,
e pe’ na parracina
’i frate se scordeno ’a do’ so’ nate.

         Ma ’u mare, ’u sole, ’u viento
te alleggieno tutte ’i patemiente.
’U munno s’alluntana
 e d’a storia pierde ’a tramma.

         A primm’a tutto pare ca te si’ ammagliato,
nun capisce comme he fatto a remmané ’mbrugliato,
ma po’ te faie piglià da ’i rroie
ca llà ’ncoppo alluccano sole,
e te pierde.

È n’ata vita, facce ’a scummessa,
’a dint’ u scoglio “russo”.

.

               Da: “’A dint’ u scoglio russo” – Isolaitudine edizioni – Ponza 2005]