Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

foto-0002 i-22 fl-02 ponza-cala-feola-sottocampo-maria-avellino-moglie-di-emiliano-sandolo-e-nonna-di-raffaele-sandolo-1952 05 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_

La poltrona del dialetto. (2). ’A dint’ u scoglio “russo”

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Scoglio rosso.1

 

Si poltrisca ora che l’autunno ci impigrisce con le piogge sonnolenti. Forse una poesia può dare alla sonnolenza un brivido d’emozione.
Per i pigri la versione recitata.
FDL

 

.

’A dint’ u scoglio “russo”

.

’A dint’ u scoglio “russo”
’a vita è sempe ’a stessa
’A ggente sta l’uno contro ll’ate,
e pe’ na parracina
’i frate se scordeno ’a do’ so’ nate.

         Ma ’u mare, ’u sole, ’u viento
te alleggieno tutte ’i patemiente.
’U munno s’alluntana
 e d’a storia pierde ’a tramma.

         A primm’a tutto pare ca te si’ ammagliato,
nun capisce comme he fatto a remmané ’mbrugliato,
ma po’ te faie piglià da ’i rroie
ca llà ’ncoppo alluccano sole,
e te pierde.

È n’ata vita, facce ’a scummessa,
’a dint’ u scoglio “russo”.

.

               Da: “’A dint’ u scoglio russo” – Isolaitudine edizioni – Ponza 2005]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.