Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

30-07-2005-19-32-10_0004 a-03 k2-25 corrida19 il-grottone Idraulica antica: cisterna della Dragonara

Asino chi scrive

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Asino-chi-scrive

 

Sang’ ’i Retunne  – ’Uaglio’, oramai t’hanno incastrato: mò so’ cazzi tuoi.
Giggino – A chi a me? Hadd’ancora nasce chille ca me fott’a mme.

SR – Se se, tu stai cu’ ’sta capa e vedrai che fine farai.
Gg – E po’… pecché ce l’avessero tene’ cu’ me? Ch’aggie fatt’ìe?

SR – Dicono che sei un cafone cronico, che non sai parlare e scrivere correttamente e che fai fare brutta figura all’intera comunità. Giggi’, dicono pure che sei affetto da un’ignoranza atavica contagiosa e che ci fai mettere scuorno a tutti quanti. Inzomma, si’ ’na schifezza d’i schifezze d’omme.
Gg –  E chi ’i ghiesse dicenne tutte ’sti belli ccose? Chi è ’stu scienziato strunz’? Scummetto ca è ’nu frastiero-punzese amico tuie.

SR  – Mamma mia, n’ata vota cu’ ’sta storia? Giggi’, addò stanne stanne, residenti o no,  chiste so’ punzise e basta.
Gg – No, no..! Nun baste propiete niente: chi nun sta ccà nun po’ parla’. Se ne stéssene a Gaeta, a Roma, Formia, Latrina…

SR – Ma daiii… la non residenza non mi sembra un buon motivo per azzittirli.
Gg – Ma comme ’i ffaccie a tratta’ comme punzisi si, sicond’alloro, io so’ ’gnorante e cafone sule pecchè parle punzese?

SR – Perché dicono che non sai né leggere e né scrivere.
Gg – Sient’a che pulpito… propiete alloro che sanno parla’ sule tischitosche e se so’ scurdate ’u punzese. Ma va va…

SR – Allora tu parli e scrivi ponzese?
Gg – No, i’ parle sule, punzese. Nunn’u scrive.

SR – Uvvì che si’ ’gnorante allora?
Gg – ’Gnorante ce sarrai tu cu’ tutte ’sti fetiént’ saputiéll’ ca te iénchen’a capa ’i strunzate! Ma iat’a zappa’ ’a ’Uardia e ’u Schiavone, cammenàte… ch’a campagna sta abbandunata!

SR – Ma se lo hai detto tu che il ponzese non lo scrivi!? O no?
Gg – Nunn’u scrive pecché nun se po’ scrive: ’u punzese se po’ sule parla’.

SR – Ma che cazzo dici Giggi’! Il ponzese, come il napoletano, è una lingua a tutti gli effetti e come tale può essere scritta.
Gg  – A sì? E chi ’u ddice?

SR – Lo dice chi ne capisce più di te e più di me.
Gg – Cchiù ’i te è sicuro! Chiù ’i me nun crede propio.

SR – E allora, tutti quelli che scrivono in ponzese dove li mettiamo?
Gg – Tu mìttel’addò te pare, ie ’i mettesse ’nda ’nu serraglie. E me so’ mantenute.

SR – Ma dai! Hanno scritto belle poesie, avvincenti racconti, divertenti scenette. Come puoi dire che il ponzese non può essere scritto?
Gg – A mme m’u dicett’ ’u maést’ Tatonno. E chille, ’nda scola, era cassazione!

SR – Il maestro, alle elementari?
Gg – Sì sì… ’u maést’. E chille ne sapeva chiù ’i te e d’i scienziat’ pazze ca canusce tu… Ce puo’ scummette.

SR – E in che occasione te lo disse?
Gg – ’U maést’ ci assegnaie: “scrivete dieci nomi di animali”.

SR – Bene. E allora?
Gg – Ie scrivette: “marevizzo, zoccola, roia, ciuccio, bafariell’, zimbere, vaccina, scaravottola, ciucciuvettola e quaraquaglie”.

SR – Mamma mia, n’avisse azzeccato uno. E il maestro?
Gg –  S’a’ncazzaie ’i brutt’, se mettètt’a strilla’ e me dicette: “Asino! Non si può scrivere in ponzese, hai capito”? E m’abbuffàie ’i pacchére!

L'asino scrive

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

3 commenti per Asino chi scrive

  • Carmine

    Ce steva ‘n animale,
    cu zotte, coda e recchie
    che a mare se menava
    abbasci’u Bagne Viecchie.
    E mentre a notta aizava
    e ‘u juorno che fernesce
    dall’acqua nun asceva
    credeve ‘i esse ‘nu pesce.
    A miezzo a sarpe e vope
    mazzune e guarracine
    natava cu fierezza
    tra stelle ‘i mare e ‘ncine.
    Fin’a quanno ‘nu cuoccio
    le dicette ‘n’faccia u musso
    “ma che pisce e rutunne, ti si
    sulo ‘nu ciuccio”
    Chi vuole intendere intenda,
    come si dice ancora,
    a buon intenditore
    gli basta una parola.
    Sarò pure nu “strunz” e
    Punzese-furastiero, ma
    io però mi firmo
    con il mio nome vero.
    Perciò ti esorto, amico
    a scrivere italiano,
    un caro abbraccio ciuccio
    da Carmine Pagano

Devi essere collegato per poter inserire un commento.