- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Tra poco sarà Natale

di Carmine Pagano

 

Tra poco sarà Natale, e per questa festività, voglio augurare, con questo mio scritto, una vita serena a tutti i lettori.
Scritto in un dialetto che sembra napoletano, ma non lo è, per delle variazioni piccole ma fondamentali.
Voleva essere ponzese, ma non lo è, perché come ho avuto modo di apprendere in questi ultimi giorni di discussioni, il ponzese è essenzialmente una lingua orale, con notevoli differenze da rione a rione (le Forna rispetto agli Scotti o a Ponza Porto!?) non può avere delle regole, perché ognuno affronta la scrittura in modo soggettivo, cercando di trasmettere il suono della parola parlata, addirittura per uniformare la scrittura bisognerebbe fare una sorta di convegno.
Ed allora cos’è? …Carminepaganese, il mio idioma, il linguaggio fermo nella mia memoria di bambino, cresciuto con due nonne, una fornese, analfabeta, che aveva solo l’espressione orale per comunicare, e l’altra di Chiaia di Luna, severa, austera ma che parlava uguale, uguale all’altra nonna.
Che altro dire… buon Natale !

Giovanni Gerolamo Savoldo. Adorazione dei pastori. Brescia [1]

.

‘U ciucciariello

.

Che friddo ca sento chesta notte

cammino passo, passo dint’a neve

cercammo ‘na stalla o ‘na rotta

pe fa durmì a Maria ca tene ‘a freva.

Puvurella a padruncella mia!

a sto purtanno cu parecchia cura

cercanno i scansà i fuossi da via

pecchè è incinta e aspetta ‘na criatura.

E si, songo ‘u ciuccio i mastu Peppe,

stammo in cammino a tanta juorni arreta,

‘u padrone ca me tene pa capezza

e io ca cammino chiano a’miezzo i prete.

Dint’o scuro po’ io veco ‘na rotta

e faccio nu raglio pa priezza.

Giuseppe trase dinto circospetto

po’ torna e me fa ‘na carezza

“putimmo trasì ce sta sulo ‘nu voje”

Nu lampo i luce s’appiccia all’improvviso

e Giuseppe che dice” E’ nato! E’ nato”

“Forza cumpare voje, cacciammo ‘u ciato,

scarfamme sta criatura piccirella,

sta dint’a paglia comme ‘nu puveriello,

ma chisto è u padrone du Criato.”

Ad uno ad uno arrivane i pasturi

cantanno odi ‘a criatura appena nata.

‘A gioia è grande, è ‘na festa sta nuttata

Voglie cantà pur’io… hi-ho hi-ho.

.

Gentile da Fabriano. Natività. Pala dell'adorazione dei magi [2]

.

Immagini dell’articolo.
In alto: Giovanni Gerolamo Savoldo. Adorazione dei pastori
In copertina e in basso: Gentile da Fabriano. Natività. Pala dell’adorazione dei Magi