Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

sm-03 v2-21 v4-19a b-01 corrida19 aragoste

La poltrona del dialetto

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Ponza. Due versanti

 

Il nostro dialetto ha ripreso l’attenzione dei lettori, mi pare.
La cosa mi spinge a proporre alcune mie poesie. Da gustare accoccolati in poltrona nei pomeriggi grigi.
Per i pigri le corredo con la versione recitata.
F.D.L.

Ponza. Entroterra. Antica veduta

.

Figlio ’i sta terra

E me ne vaco, ca m’aspetta ’u munno,
llà addo ll’ aria sape ‘i chiuso e fummo.
Palazze, macchine, arbere nire,
’u viento è raro
e ’a ggente nun rire.

 Dice ca llà ll’omme se realizza:
cunzuma, produce, se leve ’i sfizzie.
Ce stanno ’i tracce
ca ce ha lasciato ’a storia.
So’ monumente, so’ chiese, so’ mure chiene ’i gloria.

Sarrà…
nun dico ca no.
‘Ind’ i città
l’omme se crede nu maraggià.
Ognuno sape chello ca succede,
vede o nun vede,
e tutto pare ca fa capo a isso.
E mentre affanna pe stà arrete a i fatte
’i cose se coceno ind’ a pignata.

Nun saccio…
forse so’ gnurante,
forse ’nce ’a faccio a sbruglia’ ’u laccio
ma…

’stu mare ca me porta luntano
dice..: guarda comme so’ ìe,
ca me move sempe
e stongo sempe cca.
Pe’ quanto giro e vaco ’ncap’ u munno,
pe’ quanto m’arravoglio e scummo
cca vengo,
pe’ vede’ comme i rufele scappeno p’u spaviento,
pe’ senti’
’u tuono ’i marzo
ca scete i serpiente
e ’i manne p’ a campagna sparze.

Va… ’uàrdelo ’u munno
e tutt’ i meraviglie
ma arricuordete…
tu,
’i ’sta terra si’ figlio.

[Da: ’A dint’ ’u scoglio russo – Edizione Isolaitudine – Ponza 2005]

Ponza. abitato. Antica

Ponza rada. Antica veduta

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.