Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e-12 ss20 06 hydravion2 Forme multicolore di spugne incrostanti Spugne incrostanti bianche

La poltrona del dialetto

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Ponza. Due versanti

 

Il nostro dialetto ha ripreso l’attenzione dei lettori, mi pare.
La cosa mi spinge a proporre alcune mie poesie. Da gustare accoccolati in poltrona nei pomeriggi grigi.
Per i pigri le corredo con la versione recitata.
F.D.L.

Ponza. Entroterra. Antica veduta

.

Figlio ’i sta terra

E me ne vaco, ca m’aspetta ’u munno,
llà addo ll’ aria sape ‘i chiuso e fummo.
Palazze, macchine, arbere nire,
’u viento è raro
e ’a ggente nun rire.

 Dice ca llà ll’omme se realizza:
cunzuma, produce, se leve ’i sfizzie.
Ce stanno ’i tracce
ca ce ha lasciato ’a storia.
So’ monumente, so’ chiese, so’ mure chiene ’i gloria.

Sarrà…
nun dico ca no.
‘Ind’ i città
l’omme se crede nu maraggià.
Ognuno sape chello ca succede,
vede o nun vede,
e tutto pare ca fa capo a isso.
E mentre affanna pe stà arrete a i fatte
’i cose se coceno ind’ a pignata.

Nun saccio…
forse so’ gnurante,
forse ’nce ’a faccio a sbruglia’ ’u laccio
ma…

’stu mare ca me porta luntano
dice..: guarda comme so’ ìe,
ca me move sempe
e stongo sempe cca.
Pe’ quanto giro e vaco ’ncap’ u munno,
pe’ quanto m’arravoglio e scummo
cca vengo,
pe’ vede’ comme i rufele scappeno p’u spaviento,
pe’ senti’
’u tuono ’i marzo
ca scete i serpiente
e ’i manne p’ a campagna sparze.

Va… ’uàrdelo ’u munno
e tutt’ i meraviglie
ma arricuordete…
tu,
’i ’sta terra si’ figlio.

[Da: ’A dint’ ’u scoglio russo – Edizione Isolaitudine – Ponza 2005]

Ponza. abitato. Antica

Ponza rada. Antica veduta

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.