Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c2-16 i-01 i-29 l-04 l-07 gruppo-comunioni

La disputa linguistica

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica
A sigaretta

 

Intendo dare un modesto contributo alla disputa in questione e mi affascina molto l’idea di Sandro Romano di organizzare un convegno sul nostro dialetto. Sandro ha citato Padre Dante e chissà… forse sortirà una novella “De Vulgari Eloquentia”.
Ad ogni buon conto anche io ho voluto esprimermi in dialetto, anche se ho tanto da imparare come ho lasciato intendere nel finale del seguente sonetto:

 

’A discussione ’ncoppa a’ lengua

.

Me so sparapanzate ’int’ a pultrona

e cchiù ’i ’na lezzione aggio liggiuto;

e accussì comodamente aggio saputo

addò sta ’u tuorto e addò sta ’a raggiona.

“Nunn’he a scrive ’u dialetto alla carlona!”

Proprio accussì don Carmine ha pugnuto

Giggino e quaccheduno ch’ha creduto

ch’a libbera espressione è ccosa bbona.

Po’ Sandro ’u Capitano frische frische:

“Sta lengua ccà napulitana è nata,

però pe’ Ponza è unu mmesca mmesca

e si ’a perzona afferra è furtunata!”

Ma a cchistu punto è meglio ch’a fernesco

sinnò pur’ ie me piglie ’a bacchettata!

Condividi questo articolo

6 commenti per La disputa linguistica

  • Caro Silverio, cosa dirti? E’ ‘na meraviglia!

  • Carmine

    Bella! Complimenti all’autore

  • franco schiano

    “Sta lengua ccà napulitana è nata,

    però pe’ Ponza è unu mmesca mmesca

    e si ’a perzona afferra è furtunata!”

    Hai centrato il punto! Bravo Silverio!

  • Si, caro Silverio tu credevi che poteva finire così, bastava “sparapanarsi” sulla poltrona, per finirla a “Tarallùcc e vinò”, beccati questa traduzione….

    Me so sparapanzàt ’ìnt’ a pultronà

    cchìù ’i ’na lezziòn aggiò liggiutò;

    accùssì comodamènt aggiò saputo

    àddò sta ’u tuortò e àddò sta ’a raggiona.

    “Nùnn’h a scrivè ’u dialètt a’ carlona!”

    Propriò accùssì don Carmìn ha pugnuto

    Giggìn e quacchedùn ch’hà credutò

    ch’ libbèr espressiòn è ccosà bbona.

    Pò’ Sandrò ’u Capitàn frìsch frischè:

    “St lenguà ccà napulitàn è nata,

    pèrò pe’ Ponzà è unu mmescà mmescà

    si ’a perzòn affèrr è furtunatà!”

    M a cchìst puntò è megliò ch’à fernesco

    sìnnò pùr’ ie me pigliè ’a bacchettatà!

  • silverio lamonica1

    Carissimo Vincenzo, ho gradito molto il tuo commento e ti ringrazio, come sono grato anche a Sandro, Carmine e Franco Schiano per i complimenti a me rivolti. Giustamente tu poni la questione se sia opportuno abbondare in accenti ed apostrofi o meno, però stando al “risultato” della tua traduzione, a me sembra un tantino migliore la mia versione. Comunque sei un grande anche nei tuoi scherzi linguistici e il tuo apporto è sempre prezioso e tutti assieme, con tanta buona volontà, riusciremo a trovare il “bandolo della matassa”.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.