Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 h-13 g-01 v4-11a 50 0011-0002-03

Munnezza

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Er monnezza

 

Sang’ ’i Retunne –  Assunti’, addo vaie cu tutte ’sti buste?  He fatt’a spesa?
Assuntina – ’A spesa? Chest’è munnezza ’i ’na semmana.

SR – Alla faccia! E t’a stipe pe’ ’na semmana? E nun puzza?
As – Lascieme sta. L’amico tuo Giggino niente fa’ e manc’a munnezza va a ghietta’.  Nun serve propiete a niente. Nun va buono né a vela e né a rimme.

SR – Azz, Giggino te lascia ’ndà munnezza e se ne va?
As – Lui ha ben altro da fare che abbassarsi a certe pratiche igienico-sanitarie, e me lascia ’ndà munnezza, ’ndi zoccole e ’nda ’na nuvola ’i muschigliuni che primm’o poi se màgnen’ pur’a iss’.

SR – Incredibile, questa cosa proprio non la sapevo. Ogni tanto scopro qualche aspetto nuovo di tuo marito.
As – Ecco, bravo! E mo’ che l’he scupierte vide ch’he fa’, sinnò primm’o poi ciu vott’ pur’a iss’ ’nda munnezza.
(Qualche ora dopo)
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ho incontrato Assuntina tutt’ affannata e stracarica di monnezza.
Giggino – A sì? Capita, capita. Accumence a have’ l’età soia, perciò affanna.

SR – Ma guarda che non ce la faceva proprio. S’è fermata a basci’a via e sbraitava cumm’e che.
Gg – Azz! Abbasci’a via? E’ peggiorata! Primm’arrivava fino a’ curva. E che vuo’ fa’, ogni scarpa addeventa scarpone. Eeh, ci’haimma rassigna’, se sta facenn’ vecchia pur’essa.

SR – Ma tu nun c’he maie pensate ’i ce da ’na mano? No eh?
Gg – E te pare che i’ song’ ’u tipo ’i ghietta’ ’a munnezza? Ma va va..!

SR – Perché pe’ ghietta’ ’a munnezza ce vuléss’ ’na caratteristica particolare? Famm’accapi’.
Gg – Ma ’a ggente che penze si mme vede ch’i bust’ mmane?

SR – E ch’adda pensa’? …che staie ienne a ietta’ ’a munnezza.
Gg – Ecco! E nu vva bbuone! I’ nu voglie che penze chest’. E’ chiaro?

SR – Giggì, mo’ chesta me l’he spiega’. Sinceramente non capisco dove sta il problema.
Gg – Quanne tu iette ’a monnezza… po’ che succede?

SR – Passa il mezzo per la raccolta e se la porta via.
Gg – Bravo! E po’?

SR – E poi se la portano fuori.
Gg – E po’?

SR – Madonna Giggi’, dove vuoi arrivare? Che, ti devo fare tutto il ciclo della monnezza?
Gg – A’ fine, tutta sta fatica cumplicata, chi ’a paga?

SR – Uggiesù, e chi la deve pagare? La paghiamo tutti noi.
Gg – Ecco qua! I’ no! I’ nun voglio cchiù paga’ a scatola chiusa, è chiaro? Perciò niente munnezza, niente pagamento.

SR – Ma non funziona così… Comunque la butta Assuntina e tu la devi pagare.
Gg – Assuntina è Assuntina ed io song’ ie: chi ci’ha ditt’a essa d’a iettà? I’ no no. Mettimm’ ca ’nu dimane me chiamm’ ’a Legge, tu me faie ’a testimone ca i’ mai aggio iettato manc’ ’nu fazzulètt’.

SR – Giggi’, mo comme te l’aggia spiega’ che non funziona così?  La monnezza va pagata comunque, anche se non la butti, anche se non la fai. Si paga e basta.
Gg – Fosse comme se uno add’ha  paga’  tre chile ’i pane, pure si se ne mangia une sule? Ma te pare ’na cosa seria chesta? E’ o nunn’è  ’na  mariulizia? Che democraticità è chesta?

SR – Ma che, mo’ vorresti pesare pure la monnezza che butti?
Gg – Sì! Fosse cchiù iust’. Ccà a fa’ i cunt’ costa chiù ’nu chilo ’i munnezza ca ’nu chilo ’i pane. I’ non paghe chell’ ca nunn’aggie fatt’! Ccà ’i carte e ccà ’u ssapone.

SR – Senti, qua ci si lamenta solo e mai si trovano soluzioni. Tu cosa proponi per evitare il problema e, semmai, pagare di meno?
Gg – I’ song’ abbituàt’ a truva’ i soluzzione cu chell’ che teng’, no a fa’ i proggetti pe’ ghì ’ngopp’a luna a ghienc’’i pertose. ’I tiemp’antiche comme facevano?

SR – …E sentiamo cosa proponi.
Gg – I bidune ce stanno, ma nun sèrvene. I munnezzari ce stanno, ma nun arrevéncene. ’A munnezza nun ce manca. ’U vapore pe Terracina ce sta… i’ nun voglio paga’!

SR – E allora?
Gg – Facenn’i cunti, ce conviene a piglia’ ’na vot’a settimana ’u traghetto pe’ Terracina e ghitta’ ’a munnezza là. Andata e ritorno, ’nu cafè  più cornetto 10 euri e te danno pure ‘’u riést’. Moltiplica per un anno, fatt’i cunte e accussì accapisce quanti soldi te fottono e quante se ne risparmiano.

SR – N’ata vota cu ’sta storia ’i Terracina? E secondo te chillillà aspettano a nuie che cazz cazz  iamm’a  ghittà  ’a munnezza ’ndì  biduni alloro?
Gg – E allora iàmmel a ghitta’ dint’ ’i cisterne d’i romani: a che cazz’ serveno  chiù?

SR – Mamma mia Giggi’! Se iénchen’ ambressa. E po’?
Gg – Iàmmel’a mena’ ’a copp’ avascie Chia’i Luna.

SR – S’a port’u mare.
Gg – Iàmmel’a mena’ a Zannone: chi ’a vede?

SR – Non si può, po’ servì! !
Gg – E dalle!  Uvvì? ’I soluzzione ce stéssene, site vuie, razza ’i cafuni punzise che facite  muttiett’i cazz! E perciò, nun me ne fotte niente: i’ nun pave!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.