Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_13-58-41 i-13 v4-3 23a 88 scansione0003

Incroci pericolosi

Condividi questo articolo

di Umberto Prudente
guardie_svizzere

 

Riceviamo in Redazione e pubblichiamo

 

Ponza 19 luglio 2014 – Piazzale Giancos – rassegna “Ponza d’Autore”: il giornalista Gianluigi Nuzzi intervista Francesca Chaouqui (nominata da Papa Francesco unico membro donna commissione finanze Vaticano).

Roma – Città del Vaticano 2 novembre 2015 – arrestata Francesca Chaouqui per divulgazione di notizie segrete sul Vaticano e Papa Francesco.

Via-crucis-gianluigi-nuzzi
Il 9 novembre 2015 uscirà il libro “Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi (ed. Chiarelettere; in 23 nazioni) che racconta “fatti e retroscena della drammatica guerra intrapresa da Papa Francesco per cambiare la Chiesa, incontrando ostacoli, inerzie, sacche di poteri, privilegi e oscuri interessi che a loro volta cercano ancora oggi di ostacolare le riforme del pontefice”.

Cos’è una quadratura del cerchio?

Saluti
U. P.

Condividi questo articolo

3 commenti per Incroci pericolosi

  • La Redazione

    Su Ponza Estate abbiamo detto, scritto, documentato a iosa: del budget stratosferico, dell’imbarazzante divario tra gli obiettivi prefissati e i risultati conseguiti, dell’assenza di contenuti culturali, del fallimento anche come operazione di semplice intrattenimento (persino le sagre alimentari quest’anno sono andate pressoché deserte); della necessità di tenere in piedi una macchina promozionale costosa, inutile e fine a se stessa.
    Francesca Chaouqui, presunto “corvo” all’interno del Vaticano e principale fonte a cui Gianluigi Nuzzi ha attinto per la stesura del suo più recente libro Via Crucis, è stata ospitata a Ponza nell’ambito della rassegna “Ponza d’Autore”; da una prima, frettolosa ricerca in Internet, risulta che la signora Chaouqui non abbia scritto alcun libro. Dunque, perché mai Nuzzi l’ha invitata a Ponza e ospitata a nostre spese?

  • Cari amici della redazione, Ponza Estate e Ponza d’Autore sono due cose diverse, due organizzazioni diverse, due strutture diverse.

    Infatti, Ponza d’Autore è alla settima edizione, mentre Ponza Estate è alla terza edizione (2013-14-15).

    Penso comunque che tra le due organizzazione sia naturale una certa collaborazione, visto che sono due avvenimenti concomitanti che cercano visibilità e consenso nella stessa isola e nello stesso periodo.

    Questa estate mi è capitato di chiederlo a uno degli organizzatori di Ponza D’Autore il quale mi ha detto che Ponza Estate dà loro la piazza e il palco quando hanno una serata “forte” e il giardino del Santa Domitilla sarebbe troppo piccolo. Ponza-Estate inoltre offre due stanze per due settimane al loro staff tecnico. Tutto qui. Neanche 2.000 euro.

    In cambio Ponza/Estate intesa come isola si aspetta di avere da questa collaborazione – con presenza di politici, giudici, giornalisti, scrittori famosi – anche una bella visibilità politico-culturale.

    E’ fondamentale, a mio giudizio, al di là delle nostre individuali convinzioni sulle opportunità di fare o no determinate manifestazioni, dare a Ponza Estate quello che è di Ponza Estate e dare a Ponza D’Autore quello che è di Ponza D’Autore.

  • La Redazione

    Caro Vincenzo,
    ti ringraziamo per la precisazione che ci hai fornito e siamo d’accordo con te, quando dici che Ponza d’Autore e Ponza Estate sono due cose diverse e due organizzazioni distinte.
    Abbiamo dei dubbi invece circa la necessità che avrebbe Ponza d’Autore per le serate “forti” di utilizzare spazi più ampi del giardino del Santa Domitilla – nessuna grande folla ha mai partecipato ai suoi eventi -; ciò non toglie che valutazioni diverse, quali opportunità e immagine, possano aver suggerito alcune volte di spostare Ponza d’Autore in piazza. Ma non stiamo discutendo di questo.
    Quello che avevamo notato lo scorso anno e descritto in Ponzaestate 2014. I costi – leggi qui -, era la faraonica organizzazione messa in piedi. Se ricordi, la delibera del 16 luglio stanziava ulteriori 20.000 euro ed aveva come voce principale 17.500 euro per “logistica di agosto”.
    Se vai a rileggere quell’articolo e l’allegata documentazione, forse converrai con noi che i dubbi sorgono… O prendi tutto a scatola chiusa? Ma non sarebbe da te!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.