Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0046-046 d-04 lfi mariano-04 si la-galite-degli-anni-80

Sceriffo Superstar

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Sceriffo superstar

 

Giggino – Che popolo ’i ’gnurant’ ca simm’: simm’ furtunate e non ce ne rendimme cunt’.
Sang’ ’i Retunne –  Ahaaa! Finalmente un po’ di autocritica. Prendere coscienza dei propri limiti fa bene all’anima.

Gg – All’anema ’i chi? Nun’accummencia’, he capite?
SR – Sansilveri’mie! …e che stai sempre ’ngrifate? E statt’ ’nu poco quieto. Volevo solo farti i complimenti per questo tuo nuovo modo di osservare la verità.

Gg – See se… io t’accanosco a tte, part’ ’a luntano e po’ m’appizz’ c’a cazzimma toia ’i punsese-frastiere..!
SR – E dalle, cu’ ’sta storia d’i frastieri… Allora me lo dici perché saremmo fortunati?

Gg – Pecché, tu ’nn’u ssaie?
SR – No, non mi pare di saperlo. Dimmelo tu.

Gg – ’A furtuna è ch’u Pataterno ci’ha mannato ’u Sceriff’.
SR – Azz! ’I che fortuna! ’Na disgrazia vulìss’ dice! Sicuramente ce l’ha mannate ’u Diàvul’ no ’u Patatèrn’.

Gg –  Uvvi’? Nun accapisce propiete niente! Pienz’ sul’i cazz’ tuoi e te ne futt’i nuie ca iettamm’u sangue tutt’allann’ ’ncopp’a ’stu scoglio sperdute.
SR – E te pareva c’a nunn’accumenciave cu’ ’stu lamiént’? ’A staggione però ’u scoglio nunn’è sperduto?

Gg’A staggione è ’a staggione e ’a vernate è ’a vernate.
SR – E po’ ’u filosofo sarei io? Iamm’annanz’, ia’. Allora dimmi i benefici di questa grazia inviataci dal tuo Pataterno.

Gg – Tant’ p’accummencia’ ha mis’ ’u post’ alloro tutte chille cumme e tte.
SR – I punzise frastieri?

Gg – No no, i punzise prefessure. L’ha accìse a tuttu quante, perché avranno studiato sì, ma so’ arrimasti cafune punzise autentici. Peggie d’i zimbr’.
SR – I professori.

Gg – I professori, sì. Poi ha favorito chillillà che parlano parlano e poi, però, fann’i fatt’.
SR – Azz’, finalmente. Questa sì che è ’na cosa bona: dimmi qualcosa che hanno fatto queste persone che fanno tanto.
GgScusa assaie, ma nun t’u pozz’ dice: i fatti ch’hanno fatto so’ fatt’ alloro, mica i tuoi. E bell’isso! Te piacess’!
SR – Ah ’mbè! Mi pareva strano! E po’?

Gg – E po’ ha fatto ’na distinzione tra chill’ ca so’ buoni ’a chill’ che so’ malamente.
SR – Come a scuola: bravi e cattivi?

Gg – Esatto! Chi parla ’u mette ’n castigo ’ndù cess’ d’a scola e chi sta zitt’ vene premiàt’ abbasci’a marina ’i Fruntone.
SR – Tutto in regola. ’Na meraviglia.

Gg – Essì! Mica l’hanno mannato cca pe’ fa’ i buche ‘ncopp’ u summariell’..! Tene ’na missione, o no?
SR – Immagino. Quale altra cosa ha fatto?

Gg – Ha prummettùt’ i puort’ a castello, l’acquedotto distillato, ’i nave a vela ultraveloci, ’u cimitero p’i vivi, ’a munnezza senza munnezzàre, ’i mmedicine senza farmacie, i centri anziàn’ senza anziani, ’i gondole ’i linea pe’ Calenfiérn’, trenini lillipuziani a alta velocità, i ciess’ ’ngopp’a ’Uardia, l’ufficio anagrafe a Zannone, ’i scole cu’ i sarvaggente autogonfiabbili…
SR – Giggi’, ma queste sono solo favole e vecchie promesse: mi faccio meraviglia di te che te le ammocchi.

Gg – So’ prumesse vecchie, ma cu’ parole nove. E te pare poco?
SR – Sai che ti dico Giggi’? Secondo me t’hanno iencùt’a capa ’i strunzate… Zi’ Michele te sta ’ndrunànn’ ’i cervell’.

Gg – Statt’ zitte! ’A toia è tutta ’nvidia! Sule pecché ’sti ccose nun si’ capace d’i ffa’ comme ’u Sceriff’.
SR – E dimmene solo una di cose che non riuscirei a fare e che lo Sceriffo fa.

Gg – Arricuordete ca ’u Sceriff’ va ’ndu fuoco e nun se bagna… va ’nda’ll’acqua e nun s’abbrucia.
SR – Scusa, ma non sarebbe il contrario? Così è facile.

Gg – ’U contrario l’hanna fa’ l’opposizziòne: iss’ fa’ comme cazz’ ce pare, vabbuò?  E’ o nunn’è ’u Sceriff’ Superstar?

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.