Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-01 l-14 71 000093_b corrida23 burghiba-al-confino-alla-galite

Calcio Ponza. Seconda giornata di Campionato

Condividi questo articolo

di Giovanni Califano
Calcio Ponza. Pallone acqua

 

Campionato di II^ Categoria 2015-2016, Girone M

2^ giornata; campo sportivo di Vaglie, Esperia

ASD ESPERIA – POL. DIL. PONZA: 1-0

 

Dopo il convincente successo ottenuto all’esordio, il Ponza va ad Esperia per la seconda giornata di campionato, sul campo dove ottenne il primo punto esterno nella passata stagione. Privo degli squalificati Vecchione e Scotti e dell’indisponibile Federico Tescione, De Santis conferma il 4-3-3 di sette giorni fa, affidandosi principalmente agli stessi uomini, con qualche sorpresa; Califano tra i pali, in difesa da destra a sinistra Pappa, Giovanni Tescione e Marciano centrali, Vitiello A.; a Rispoli sono affidate le chiavi del centrocampo con Aversano e Carofano ai suoi fianchi; Vettese e Migliaccio esterni offensivi del tridente che vede il giovane Rosario Vitiello centravanti.
Sul campo di Vaglie i rossoblu di casa sono storicamente molto temibili e il Ponza se ne accorge quasi subito: uscita errata di Califano su un lungo cross e per poco l’attaccante non ne approfitta, sfiorando il palo. Poco dopo, ancora su leggerezza del giovane portiere su un rinvio da fondo campo, l’Esperia va nuovamente vicino al vantaggio. Il Ponza del primo tempo è lontano parente di quello ammirato una settimana fa, incapace di fornire l’attacco, apparso un po’ statico ed isolato.
Proprio allo scadere del tempo, punizione dai 25 metri per l’Esperia, con Califano che riscatta l’avvio incerto, salvando sotto l’incrocio.

De Santis avrà avuto il suo bel da fare all’intervallo per rianimare i suoi e dargli una bella svegliata.

Il Ponza ha bisogno dello schiaffo per scuotersi che arriva, più puntuale di un orologio svizzero, al 49°: punizione sulla trequarti, difesa un pò pigra e poco attenta che permette il cross dal fondo per la girata al volo di Della Vecchia che batte il portiere.
Meritato vantaggio dell’Esperia e De Santis che manda subito nella mischia Napolitano, il miglior realizzatore del Ponza degli ultimi 12 mesi, in luogo di Aversano, già ammonito. Il Ponza reagisce, rianimato dall’ingresso anche di Orlando e dalla ritrovata verve in mezzo al campo di Carofano e Rispoli.
Al 70° palla gol per Vitiello, ma il suo colpo di testa da posizione vantaggiosa termina alto di poco.
Al 74°, mina di Tescione su calcio di punizione, ma il portiere devia e toglie il pallone dall’angolino. Sembra il preludio al pareggio, con il Ponza sbilanciato in avanti e che offre il fianco al contropiede; proprio su azione di rimessa l’Esperia rischia di far calare i titoli di coda in anticipo, ma il tiro dal limite si stampa sul palo, regalando al Ponza dieci minuti all’arma bianca.
Il nervosismo per la posta in palio è evidente, ma gli isolani hanno la forza per un ultimo assalto: cross dalla destra, Napolitano anticipa il portiere, che lo travolge; il pallone sta per entrare in porta, ma viene spazzato in prossimità della linea! Il Ponza reclama il rigore, ma per il direttore di gara è tutto regolare e dice che può bastare così.
Esperia batte Ponza 1-0.

Ritorna immediatamente con i piedi per terra il Ponza di De Santis; prestazione negativa sul campo di Vaglie, contro un avversario che ha fatto valere il fattore casalingo e che ha messo sul terreno di gioco qualcosina in più. Un fraseggio migliore accompagnato da una voglia (probabilmente) maggiore hanno permesso ai ciociari di essere costantemente più pericolosi dei ponzesi e di trovare meritatamente il vantaggio. Tardiva la reazione del Ponza, incapace di servire il proprio attacco per oltre un’ora di gioco, salvo poi creare tre limpide palle gol negli ultimi venti minuti, grazie soprattutto ad un centrocampo più in partita.
Una partita che lascia l’amaro in bocca per quello che poteva essere ed invece non è stato. Una sconfitta che deve servire da lezione.

Tra una settimana il Ponza tornerà in campo sul campo amico di Cala Caparra contro il Vis Ceprano, una delle squadre più temibili del girone M e contro la quale gli uomini di De Santis non hanno raccolto punti nella passata stagione. Ma questa è un’alttra stagione, un’altra storia tutta da scrivere.
POL. DIL. PONZA: Califano, Pappa, Vitiello A., Tescione G., Marciano, Carofano, Migliaccio (C), Aversano (Napolitano), Vitiello Ro., Rispoli D., Vettese (Orlando).

A disposizione: Fariello, Repele, Vitiello G., Vitiello Ra., Taglialatela.

Allenatore: De Santis.

ARBITRO: Sig. Rocco Aceti di Cassino

NOTE: ammoniti Aversano, Rispoli D., Pappa, Vitiello Ro., Marciano (P).

 

Tutti i risultati della 2^ giornata:

I Briganti – Real Maranola 3000: 2-1

ASD Castrocielo – AS Penitro: 1-1

ASD Esperia – Polisportiva Dil. Ponza:  1-0

Mistral ASD – Marina Maranola: 2-2

Nuova San Bartolomeo – Real Piedimonte S.G.: 2-1

San Giovanni Inc. – Spinium FC: 0-2

SS San Lorenzo – Pro Calcio San Giorgio: 2-1

Vis Ceprano – Atl. Cervaro: 1-1

 

La classifica

Nuova San Bartolomeo, I Briganti 6; Vis Ceprano, Atl. Cervaro, Mistral ASD, AS Penitro, San Lorenzo 4; Polisportiva Dil. Ponza, Spinium FC, ASD Esperia 3; Real Piedimonte S.G., ASD Castrocielo, Marina Maranola 1; Pro Calcio San Giorgio, Real Maranola, San Giovanni Inc. 0.

Polisportiva Dil. Ponza

Polisportiva Dil. Ponza

a cura di Giovanni Califano e Francesco Arrigo

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.