Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_14-01-48 i-11 u-08 nip wp Astroides calycularis

’A rivoluzzione d’i retunne

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Chi comanda davvero

 

Zi’ Michele – Giuvino’ i’ t’aggia parla’ ’nu poco.
Sang’ ’i Retunne – A sì? E a cosa devo l’onore?

ZM – ’I cerimonie lascial’i ffa ’o preute ’nda chiesa, noi ccà avimma parla’ ’i cose serie.
SR –  E allora dicitammelle, ’sti cose serie.

ZM – Riguardano a Giggino, l’amico tuo…
SR – Azz! …e allora ’i che serietà vulimme parla’?

ZM – Uvvi’! E tu è pe’ ffa accussì ch’u stai arruinànn’.
SR – Zi’ Miche’, voi siete una persona anziana e per questo vi rispetto, ma non dovete esagerare.

ZM – ’Uagliò tu he studiato fore, e ’i ccose ’i cca non le accanosci bene. Perciò i tuoi consigli pe’ Giggino so’ sule casini. Insomma i’ te parlo per iss’ e no pe’ te.
SR – Ah ecco: io pozze pure muri’.

ZM – So’ cazz’ d’i tuoi! Sinceramende a me ’i te nun me ne fotte propie niénte!
SR – Sì sì ho capito, il noto altruismo isolano.

ZM – A ogni modo, tu he capi’ ca Giggino nun se move a caso… Chell’ che fa è pecché ci’u dic’ i’ ’i fa’… E perciò tu nun t’he mett’ ammiezz’, sinò farrai i cunt’ cu mme.
SR – Scusate, ma perché lui ’na capa pe’ decìde  ‘nn’a tene?  Perché ci deve essere qualcuno che pensa per lui e che gli deve dire cosa fare?

ZM – A nun penza’ fa comodo a iss’, e fa comodo pur’a mme.  Ch’adda penza’ a fa’? Si penza s’avvilisce e cumbina guai. Hadda da retta a chi mantène ’u temmone, no a chi move all’acqua.
SR – Ma quello combina comunque guai: basta vedere che va facendo! Prima o poi si compromette e s’u carréano.

ZM – Ma ’i che ’uai vai parlanne tu? E’ tutto previsto e sotto controllo… Inzomma so’ guai ‘controllati’.
SR – No no, mò questa cosa dei “guai controllati” me la dovete spiegare meglio. Voglio capi’.

ZM – Giuvino’, cà niente è pe’ caso. Pure chille ca tu chiamme ’uai, tenene ’na loggica alloro. ’Uagliò ccà nisciuno è fesso e “chi fa ’o fesso è pe’ fa’ fesso a chi ’u crede fesso”. E’ chiaro?
SR – Azz! ’A CIA ve fa’ ’nu baff’.

ZM – Ecché, seconde te stamm’ ccà a’ ’spetta’ chi ci vene a cummanna’? Giuvino’ arricuordate: “ccà non se move foglia che ’u zar nun voglia”.
SR – E chi sarebbe ’stu zar?

ZM – Uvvì? Nun te se po’ da’ ’a mano ca te piglie tutt’uo vraccie. E tu mò che vulisse sape’?
SR – Zi Miché, sapite che penso? Questo è un sistema mafioso, non va bene controllare la mente della gente e la società in questo modo.

ZM – Cca ’a mafia nun c’entra pecchè simme chiù fort’ nuie. Pe’ chest’ puo’ sta’ tranquille.
SR – Eeee, come no! Sto tranquillissimo, non si vede? Ma allora facìteme accapì: tutti noi ci stiamo preoccupando per niente?

ZM – E ciertamente. Comme funziona c’a carta igienica? ’A’dduòpere e po’ ’a vutte. O no? Quanne chisti cca nun ce servarranno cchiù, ’i sbuccamm p’a via d’u scoglio russe.
SR – Incredibile! Ma a cosa serve tutto questo?

ZM – Serve a lascia’ tutto comme sta: “chi è dint’ è dint’ e chi è fore è fore”. Chi ha fatt’ ha fatt’, e chi n’ha fatt’ resta a guarda’.
SR – ‘Na specie ‘i “primm’a dda ‘a mano”?

ZM – No no, come a “nascondino”: vence chi s’annasconne meglio e ’alla fine fa “tana libera per pochi”.
SR – Ma allora tutta ’sta rivoluzione? Perciò nun se vede niente, sule alliccamienti coppa coppa.. E io che pensavo… Ma guarda tu..!

ZM – Perciò, lassa sta’ a Giggino che sinò chill’è cazz’i cagna’ tutt’a grammatica d’a rivoluzzione d’i retunne.

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.