Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v4-10a v8-6a m2-11 43 86 4_g-20091209221925

La Posta dei Lettori. Il ragazzo sul delfino

Condividi questo articolo

a cura della Redazione
Postaa

 

Ci scrive un lettore, Enzo Doron, a proposito di un’immagine che ha trovato in un articolo sul sito (leggi qui):

“Ho visto questo dipinto di una piastrella greca anche su altri siti. E’ un dipinto dell’isola di Ponza o di Knosso, il quadro di qualche artista moderno o del film con Sophia Loren?
Le notizie che ho letto non mi hanno chiarito bene i dubbi.
Grazie e auguri per il vostro sito.
Cordiali saluti
Enzo”

11.-Il-ragazzo-sul-delfino

Nell’articolo cui il lettore si riferisce, abbiamo scritto esattamente:
“La memoria di un affiatamento tra gli uomini e le creature del mare è presente in varie culture: qui l’immagine di un’antica piastrella greca, riportata in un film del 1957: “Il ragazzo sul delfino” (Boy on a dolphin), di Jean Negulesco, con una giovanissima Sophia Loren”.

Il film non è stato girato a Ponza (come invece il precedente “Africa sotto i mari”; 1953) con la stessa attrice (leggi qui al n° 4 dell’elenco), ma nelle isole Saroniche, in Grecia, in particolare a Hydra.

Possiamo dare per certo al lettore che nessun dipinto del genere è a Ponza ma la suggestione del film del ’57 deve aver contagiato molti artisti, se diverse sculture del ragazzo su delfino sono state eseguite, come questa, sull’isola di Hydra, dedicata appunto al film:

Hydra. Boy on dolphin. Resized

Sull’iscrizione alla sua base – tradotta dal greco – si legge: “Il ragazzo e il delfino – Questa statua è stata fatta dallo scultore – George Xenoulis ed è stata eretta nell’estate del 2006 – durante il mandato da Sindaco di Kostantinos G. Anastopoulos 

…e questa, più famosa, a Londra, opera dello scultore David Wynne

London. Boy with a dolphin

Il film di Negulesco si apre con una bella sequenza subacquea sui titoli di testa accompagnata da una suggestiva canzone di Julie London…

.

Guarda qui su YouTube

.

There’s a tale that they tell of a dolphin
And a boy made of gold.
With the shells and the pearls in the deep,
He has lain many years fast asleep
What they tell of the boy on a dolphin,
Who can say if it’s true?
Should he rise from the depths of the ocean,
Any wish that you wish may come true.
You say “he’s only a statue, and what can a statue achieve?”
And yet, while I’m gazing at you,
My heart tells my head to believe.
If the boy whom the gods have enchanted
Should arise from the sea,
And the wish of my heart could be granted,
I would wish that you loved only me.

Mentre la statua del ragazzo sul delfino che Fedra (Sophia Loren) trova accidentalmente sott’acqua, si vede nella seconda parte di questa sequenza tratta dal film di Negulesco:

.

Guarda qui su YouTube

.

Verosimilmente l’immagine di cui il lettore ci chiede informazioni è una libera interpretazione di un artista moderno a partire da figure di delfini che nuotano tra varia fauna ittica, presenti nella nel megaron della Regina, nel Palazzo di Cnosso, a Creta (XVI sec. a. C.).

Megaron della Regina. Palazzo di Cnosso. Creta

Ma la fascinazione ha radici remote e trova sostanza in molti miti dell’antichità…
Secondo la leggenda, il patto di amicizia tra delfini e umani era stato suggellato dall’unione di Poseidone, signore del mare, con Melanto, figlia di Deucalione, alla quale il dio si era presentato con le sembianze di un delfino.

Boy_on_a_Dolphin. Antico medaglione

Al mito di Dioniso si collega un’altra spiegazione dell’amicizia tra delfini e umani. Nel corso delle mille avventure e disgrazie subite per affermare il suo diritto alla vita eterna, Dioniso ebbe occasione di chiedere ad alcuni pirati di traghettarlo da Argo a Nasso, ma scoprì un complotto da costoro ordito per venderlo in schiavitù. Per punirli trasformò i loro remi in serpenti, avviluppò la nave in una cortina d’edera e la paralizzò con tralci di vite finché i pirati, impazziti, non si gettarono in mare, venendo trasformati in delfini. Da allora essi sono amici degli uomini e si adoperano per salvarli dai flutti, come memoria del pentimento dei pirati da cui discendono.

Dioniso trasforma i pirati in delfini
Dioniso trasforma i pirati in delfini. Vaso del VI-V secolo a. C. (Toledo, Museo dell’Arte)

Il geografo Pausania “il Periegeta”, II sec., originario dell’Asia Minore, in ‘Descrizione della Grecia’, tra le sue svariate storie incentrate sui delfini, narra dello spartano Falanto che soccorso da un delfino durante il naufragio della sua nave, fu da questi trasportato fino alle coste dell’Italia meridionale, dove fondò la città di Taranto.

Falanto in groppa al delfino
Falanto in groppa al delfino, sul dritto di uno statere del V sec. a. C., presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Analogamente Plinio il Vecchio (23- 79 d. C.) narra nella sua Storia naturale la storia di un bambino che, andando ogni giorno a scuola nei dintorni del lago Lucrino nelle vicinanze di Baia, aveva fatto amicizia con un delfino che viveva nel lago: ogni giorno gli offriva la propria merenda, e poi gli saliva in groppa per esser traghettato sulla sponda opposta. Ma dopo qualche tempo il bimbo morì, invano atteso dal suo amico delfino che, non vedendolo più, si lasciò morire dal dolore [su Plinio, leggi anche qui]

Plinio. Gli animali acquatici

Fanciullo sul delfino. Atene Museo Archeologico Nazionale: ornamento di vaso di bronzo dell’Acropoli V sec. a. C.:
sulla copertina del libro “Plinio – Naturalis Historia – Libro IX . Gli animali acquatici. A cura di Piero A. Cianfrotta Ed. Il grande blu (Silverio e Giuseppe Mazzella); 2000

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.