Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

mm h-24 classe-1-avviamento-1960 ss16 83a 2397452039_b8d69ab53d

Partita amichevole del 27 settembre 2015. Polisportiva Dil. Ponza – Real Tuscolano 1-3

Condividi questo articolo

di Giovanni Califano

Polisportiva Dil Ponza

 

Allego il commento dell’amichevole di oggi 27 settembre contro Real Tuscolano, squadra che milita in 1^ cat. a Roma.
Biagio Rispoli

***

A sette giorni dal debutto in campionato, il Ponza testa la propria preparazione contro il Real Tuscolano, squadra della Capitale militante in 1^ categoria. Il divario tecnico e di condizione è da mettere in preventivo per l’undici isolano, ma sicuramente si tratterà di un buon test che darà indicazioni importanti al tecnico ponzese De Santis.

La Polisportiva scende inizialmente in campo con un 4-3-3 a trazione decisamente anteriore: Califano in porta, difesa con Vecchione, Repele, G. Tescione e A. Vitiello; Aversano, Carofano e D. Rispoli in mediana; Orlando, Ro. Vitiello e capitan Migliaccio avanti.
Pronti, via e goal, con Michele Orlando che raccoglie un cross basso proveniente dalla destra e da pochi passi infila il portiere ospite.
Grande avvio dei padroni di casa che giocano bene e si affidano alla qualità di Carofano e Rispoli.

Tuscolano mai pericoloso e soprattutto mai in partita, Califano inoperoso. Eppure alla prima mezza occasione, i capitolini vanno in gol, approfittando di una incertezza in uscita alta proprio del portiere ponzese, che non sfrutta i suoi 197 cm di altezza.
Pochi istanti dopo, però, Califano salva i suoi respingendo un calcio di rigore, per atterramento di Vecchione, il quale si lascia andare a proteste vibranti anche per un originario fuorigioco.

A questo punto il Ponza sbanda un po’, ma gli ospiti non ne approfittano, incapaci di sviluppare la manovra.
Serve un episodio per far svoltare il match e i rossoneri lo trovano in chiusura di tempo: Tescione, ingannato dal terreno di gioco, scivola goffamente a metà campo, dando il là al contropiede romano; l’attaccante si presenta solo contro il portiere, lo salta e deposita in rete. 1-2 ed intervallo.
Girandola di cambi, con B. Rispoli, Scotti, Napolitano, Marciano e G. Vitiello subito in campo, seguiti a breve distanza anche da F. Tescione e Ra. Vitiello.

Il Ponza nella ripresa mette in campo agonismo e qualità, sfiorando a ripetizione il pareggio con Migliaccio (pallonetto alto dopo splendida percussione in velocità di Ra. Vitiello), Orlando (tocco sotto in anticipo sul portiere a lato di poco dopo una geniale imbeccata di G. Vitiello) e Napolitano (miracoloso intervento dell’estremo difensore da due passi).
Rispoli lascia il campo a Taglialatela alla mezz’ora e per il giovane portiere isolano neppure il tempo di prendere posto tra i pali che tocca raccogliere il pallone in fondo al sacco: il tocco sotto del numero 11 non lascia scampo.

La leggenda Biagio Rispoli, così, potrà dire di essere stato l’unico dei tre portieri ponzesi ad esser imbattuto oggi. Il punteggio finale è 1-3; sconfitta tutto sommato immeritata per i padroni di casa, ma che servirà per temprare il carattere e far crescere le convinzioni nei propri mezzi: uscire dal campo sì sconfitti, ma dopo aver pressochè concesso davvero pochissimo ad un avversario di caratura superiore ed anzi, avendo creato numerose palle gol, deve essere un punto di partenza per De Santis e i suoi.

Il Ponza ha pagato a caro prezzo una seconda parte di primo tempo un pò sottotono e gli errori dei singoli più che del collettivo. La condizione, a una settimana dall’inizio del campionato, è ormai ideale e, considerando il terreno di gioco purtroppo non all’altezza, nessuno ha accusato problemi di natura fisica: anche questa è una buona nota.

Pallone_in_rete_nike

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.