Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0006-006 e-08 l-10 p-05 57 veduta-2

Infamità

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Cattivi pensieri

 

Sang’ ’i Retunne – Assunti’, ma che ci’avuto Giggino? M’è passate vicine e manc’ m’ha guardate ’nfaccia.
Assuntina – E tu ’u ’ssaie meglio ’i me comm’è fatto; ogni tanto se ’ngrifa e nun ’o può manc’ ’uardà.

SR – Sai che ti dico… Cierti vote ci’u mannasse propie..!
As – È ’a ieressera che sbraita contr’a tuttu quante e dice che se n’adda i’ sule a Formia, primme ca cresima a cocchedune.

SR – Sicuramente gli avranno fatto qualcosa.
As – Sacc’i muort’ suoi ch’accedente ce vene?

SR – Ma dove andava così di corsa? Non è che si compromette con qualcuno?
As – Ma quann’ maie!? …chille fa bubù e nunn’azzecche maie niente.

(Qualche ora dopo)

SR – Giggi’ ma ch’è stato, è succiess’ coccose?
Giggino – Lasseme sta, stong’ ’ngazzat’ nire.

SR – E lo so, si vede. Ma se po’ sape’ pecché? Tu ’na vot’i chesta te fai veni’ ’na cosa!
Gg – Tu ch’è studiate, rispunn’a mme: te pare giuste che nun me pozze fa’ ’na piscatella cu… cinc’ o sei mazz’i rezz’?

SR – Azz! Cinc’ o sei!?
Gg – Essì! Allora fanne bbuone a ’nchiude tutt’all’isola. Accussì se ’mparano… s’u facessero ’nda vasca d’i case a’lloro, ’u bagn’!

SR – E vaiii!
Gg – Te pare giuste ca nun pozz’ ghittà nu poco i munnezza e ’na decine ‘i matarazzi ’a copp’a bascio? ’I notte chi ’i vvede?

SR – E certamente, chi ’i vvede… a notte? ’U problema è quanne fa iuorne!
Gg – E allora… fanno buono a ce fa paga’ ’nu chilo ‘i munezza cchiù ‘i ‘nu chil’i pane?

SR
– E’ naturale. Fanno buono!
Gg – E te pare iust’ ca nun pozz’ i’ c’a machina a pont’u muolo quann’è ’a staggiona? E che i frastieri so’ megli’i me? Ha fatto bbuono ’u Sceriff’ a luva’ tutt’i parcheggi liberi: accussì ve ’mparate!

SR
– Chesta nun l’aggio capita.
Gg – Te pare bell’ che nun simme chiù padrun’ ’i durmi’ fin’i ll’unnece d’a matina che fanno ’nu casino cu chilli cazz’i mutur’ ’i motoscafi? Se ne iessene ’nderra Chiailuna o ’nderra a Luciarosa. Là stann’ ’ngrazz’i Dio e nun danno fastidio a nisciuno.

SR
– A Chiaia di Luna? …’Nderra?
GgE Fruntone? Addò ’u mettimme Fruntone?

SR
– Giusto, dove lo mettiamo?
Gg – Pe’ ghi’ a Fruntone une adda pava’? Chiudi tuttecose e basta: nient’a me e niente a te.

SR
– Giggi’, pe’ due euro?
Gg – Qua la verità è che ognuno se fa ‘i cazz’ suoi alla grande. E’ chiaro?

SR
– Ognuno, eh?
Gg
– E certamente, ognuno. Ed allora fa buono ‘u sceriff’ ch’i mena ’ngapa, senza pietà!

SR – Scusa Giggi’, mi pare che però mena ’ngapa pure a te. Probabilmente non ha bene individuato il mucchio dove menare.
Gg
– Che cazz’ dici pure tu? Arraggiunamm’… fino a cocch’ann’ fa cummannavene chill’ati ’lla e schiattavene a nuie, mò ca cummannene chisti’ccà hanna schiattà a’lloro, mica a nnuie… O no?

SR
– Secondo me stamm’ schiattann’ tuttu quante.
Gg
– Tu dici?

SR
– Giggi’ ma non ti rendi conto che per fare dispetto a ‘loro’ fai del male anche a te stesso? Chist’è ’u scoglio. Chiste simme. Se colpisci uno inevitabilmente danneggi anche altri.
Gg
– Statt’ zitto, mò aggie capit’ che sta succedenn’. Chilli strunze invece ’i schiatta’ p’i cazz’ alloro, invece ’i murì zittu zittu, se vonno tira’ appriesse pure a mme? Aggio avuto i mazzate primme e a’llagge pure mò? Ma chesta è ’na ’nfamità!

 

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.